Immigrati, la Ocean Viking sbarca a Taranto: 400 persone a bordo

Immigrati Ocean Viking sbarcherà a Taranto. La nave, che ormai è in mare da diversi giorni, ora ha avuto il permesso di sbarcare in terra italiana. 

migranti
migranti (via Medici Senza Frontiere)

Ormai la storia della Ocean Viking è nota. Da giorni la nave della ONG Medici Senza Frontiere vaga in mezzo al blu, in cerca di aiuto Le persone a bordo sono tantissime e le condizioni sono ovviamente molto complesse. Igienicamente parlando, ad esempio, è difficile garantire alti standard e questo può provocare il diffondersi di infezioni e malattie. L’ultima cosa che si vuole quanto le risorse scarseggiano e per questo trovare un luogo dove sbarcare è diventato fondamentale. Ora, finalmente, qualcosa si è sbloccato. Ad annunciare finalmente il fatto che ora si possa procedere con lo sbarco è stato proprio Medici Senza Frontiere, che tramite il proprio account Twitter ufficiale ha annunciato che la situazione è risolta.

LEGGI ANCHE —> Salvini vs Elly Schlein sui migranti, lui risponde dopo una vita – VIDEO

Immigrati, la Ocean Vikin sbarca a Taranto: 400 persone a bordo

La Ocean Viking ora ha trovato un proto sicuro. L’associazione Medici Senza Frontiere, infatti, ha confermato che la nave sbarcherà nel porto di Taranto. Ovviamente per l’avvenimento, in zona si stanno prendendo tutte le precauzioni ed il personale medico si sta preparando per dover lavorare con 400 pazienti in un colpo solo. Sicuramente qualcuno avrà bisogno di cure mediche perché febbrile, o con problemi all’intestino ecc. Per questo l’intervento del personale preposto dal governo non sarà solo importante, ma fondamentale per curare queste 400 anime che hanno superato il mare in cerca di una nuova vita.

“In un annuncio in 6 lingue, i 403 sopravvissuti a bordo di  Ocean Viking hanno appena saputo che sbarcheranno a Taranto.
Costretti a rischiare la vita nel #Mediterraneo per fuggire, 216 uomini, 38 donne e 149 bambini raggiungeranno presto un porto sicuro”. 

LEGGI ANCHE —> Agrigento, giornalista muore per la malaria dopo una vacanza in Nigeria