Australia, incendi senza fine: ci sono altri morti e feriti

0

Australia, incendi senza fine: ci sono altri due morti e almeno cinque feriti tra gli stati New South Wales e Victoria

Incendi Australia
Australia, incendi senza fine: ci sono altri morti e feriti (Foto: Getty)

L’ultimo giorno dell’anno ha lasciato due nuovi morti (un padre e un figlio) e cinque dispersi in Australia a causa dell’ondata di incendi che il paese sta affrontando. Questa stagione di “fuoco”, iniziata con un’ondata di fiamme già nel mese di novembre, ha devastato cinque milioni di ettari di terreno. Gli incendi che devastano il paese hanno anche intrappolato circa 4.000 persone sulle spiagge di Mallacota, una cittadina turistica situata nel sud-est. La terra che brucia senza controllo ha causato una delle peggiori crisi in Australia degli ultimi decenni, e purtroppo è in continuo peggioramento, con temperature ancora oltre i 40 gradi e forti venti dall’oceano.

Nella zona del Nuovo Galles del Sud (lo stato dove si trova Sydney) ci sono 3.000 pompieri che combattono le fiamme quotidianamente. “Oggi è un giorno orribile per il NSW per quanto riguarda gli incendi. Dopo la tragica morte della notte scorsa di un vigile del fuoco volontario, è stato confermato che ci sono due morti a Cobargo, e una terza persona è scomparsa“, ha detto il capo del governo di quello Stato, Gladys Berijiklian, in una conferenza stampa. In precedenza, il capo del governo dello stato di Victoria, Daniel Andrews, aveva già confermato che quattro persone erano disperse nella zona dei focolai, lasciando poche speranze ad amici e familiari.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Australia, il giorno più caldo di sempre: rischi e pericoli

L’Australia continua a bruciare: altri due morti e 5 dispersi per gli incendi

Incendi NSW
L’Australia continua a bruciare: altri due morti e cinque dispersi per gli incendi (Foto: Getty)

In alcune regioni, gli incendi sono così intensi che il fumo denso ha impedito l’intervento degli aerei dei vigili del fuoco per spargere acqua. I danni sono stati prodotti principalmente dalle fiamme nel comune di East Gippsland, situato all’estremità sud-est dello stato di Victoria, al confine con lo stato del Nuovo Galles del Sud.

Precisamente, il capo del governo di Victoria ha riferito che si sta prendendo in considerazione la possibilità di evacuare via mare alcune comunità della zona, come a Mallacoota, dove molti turisti anche europei, sono rimasti intrappolati, senza via d’uscita.

Gli esperti sottolineano che le stagioni degli incendi in Australia saranno sempre più lunghe e virulente a causa dei cambiamenti climatici. Questo mese il paese ha registrato i due giorni più caldi della sua storia con temperature medie massime rispettivamente di 40,9 e 41,9 gradi centigradi.

La delicata situazione ha portato la capitale del paese, Canberra, a dover sospendere gli spettacoli pirotecnici previsti per la fine dell’anno.

I servizi meteorologici prevedono che il tempo migliorerà nei prossimi giorni, ma le condizioni dovrebbero peggiorare di nuovo a partire da sabato.

Con la morte delle due persone a Cobargo, il numero di morti nel Nuovo Galles del Sud sale a 12 a partire dal mese di luglio.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Genova, ancora guai al Ponte Morandi: incendio nel nuovo cantiere

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui