alessio il sinto1

Alessio il Sinto, il 20enne rom che ha sequestrato e stuprato due ragazzine di 14 anni a Roma, dopo aver conosciuto in chat una di loro e averla convinta ad incontrarlo, è attualmente in carcere.

Sulla terribile violenza spuntano nuovi dettagli come la telefonata che il 20enne avrebbe fatto alla madre di una delle vittime.

Dopo la violenza, Alessio il Sinto, così si faceva chiamare Mario Seferovic avrebbe chiamato la madre di una delle due: “Ora esco con tua figlia”, avrebbe detto alla donna.

Come riporta Il Giornale, poi, sul profilo Facebook dello stupratore c’erano segnali che non lasciavano presagire nulla di buono. Tra le tante foto pubblicare da Alessio il Sinto c’era quella di una ragazza ammanettata.

Le manette sono state poi utilizzate per legare le due 14enni e violentarle senza pietà.