firenze carabinieri

Si aggrava la posizione dei due carabinieri accusati di stupro. Per gli inquirenti, i due militari, oltre al presunto reato di violenza sessuale, avrebbero violato delle regole fondamentali del codice etico militare. La prima è non aver comunicato ai superiori di aver fatto salire sull’auto le due ragazze. Per gli inquirenti potrebbe essere la dimostrazione delle cattive intenzioni dei due militari.

Inoltre, la procura militare, infatti, li accusa di violata consegna e di peculato. Oltre a non aver compilato la relazione di servizio da consegnare i superiori, i due sono entrati in discoteca e si sono fermati al bar nonostante fossero in servizio. Inoltre, grave è la decisione di far salire in auto le due studentesse americane, cosa che si può fare in casi eccezionali informando la centrale e ancora più grave è aver lasciato incustodita la gazzella per salire nell’appartamento delle due ragazze.

Inoltre, l’ultimo elemento chiave della vicenda è che era solo la seconda volta che i due uscivano insieme in pattuglia. Come si legge su Libero, però, nonostante tutto, i due si sono fidati ciecamente l’uno dell’altro. Il timore, dunque, è che le violazioni possano essere tante. Nelle prossime ore, gli inquirenti ascolteranno vari testimoni per valutare l’operato dei due carabinieri.