Bollette gas, adesso è ufficiale: duro colpo per gli italiani

Spunta un nuovo dettaglio riguardante le bollette del gas. Infatti ci sarà un nuovo aumento: ecco cosa sta succedendo. 

Una nuova stangata potrebbe colpire gli italiani in questo mese. Stiamo parlando infatti di un nuovo aumento delle bollette del gas. Andiamo quindi a scoprire cosa sta succedendo ed a cosa è dovuto.

bollette gas
Nuovo aumento in arrivo per gli italiani (Via Ansa Foto)

In questo periodo un tema ricorrente è l’aumento del costo delle bollette. Infatti secondo l’ultima indagine dell’Arera, le tariffe sembrano essere lievitate rispetto sul mercato libero di energia e gas rispetto a quelle del mercato tutelato. Sul rapporto ufficiale infatti si legge: “In particolare i contratti a prezzo bloccato, quelli cioè dove le tariffe di luce e gas risultano fissate per un determinato periodo di tempo, appaiono addirittura proibitivi, raggiungendo un costo medio annuo di 5.077 euro a famiglia per il gas (consumo annuo 1.400 smc) e 2.429 euro per l’elettricità (consumo annuo 2.700 kwh)“.

Inoltre non è mancato il confronto tra i dati dei due mercati il divario risulta essere assolutamente abnorme. Infatti secondo il rapporto per un contratto a prezzo fisso il gas costa sul mercato libero in media il 166% in più con una maggiore spesa da +3.173 euro a famiglia; +124% la luce con un aggravio da +1.346 euro annui a nucleo. La forbice si riduce per i contratti a prezzo variabile. Infatti per questa tipologia di bollette il mercato libero costa in media il 23,8% in più del tutelato per il gas, +18,1% la luce. A lanciare l’allarme ci ha pensato il presidente di Assoutenti, che ha chiesto un pronto intervento del Governo.

Bollette gas, arriva la fine del mercato tutelato: aumentano i prezzi

bollette luce gas
Tutti i dettagli riguardanti le bollette di luce e gas e gli aumenti (Via Screenshot)

Sulle bollette quindi Furio Truzzi, presidente di Assoutenti, chiede un pronto intervento del Governo. Infatti il rappresentante ha riportato come i vertici governativi devono assolutamente considerare il divario per tutte le decisioni che adotterà in ambito energetico. Truzzi ha quindi rivelato: “Con l’imminente fine del regime tutelato le famiglie verranno proiettate in un mercato, quello libero, dove le tariffe e le condizioni economiche sono estremamente piu’ svantaggiose, con inevitabili aggravi di spesa“. La speranza è che questo appello arrivi direttamente alla Premier Giorgia Meloni ed ai suoi ministri.

D’altra parte il Codacons è ottimista “sulle prossime misure del governo volte a fronteggiare l’emergenza energia, a patto che i 30 miliardi di euro. La speranza è che i 30 miliardi annunciati proprio dalla Presidente del Consiglio vengano destinati realmente ad aiutare famiglie e imprese. Il Codacons, infine, chiede un intervento concreto al Governo, nella speranza che si lasci la politica dei bonus a pioggia definita assurda.