Lutto improvviso in Italia: deteneva un grandissimo primato

Un lutto che lascia l’amaro per molti suoi estimatori, oltre ad amici e familiari: deteneva un grandissimo primato in Italia

È nato in una famiglia di circensi e seguito la strada dello stunt-man, sicuramente almeno una volta l’abbiamo visto in giro con i suoi spettacoli o semplicemente in TV. Dopo una lunga carriera si è spento a 76 anni.

Lutto 31102022 inews24.it
(@Facebook)

A 76 anni si è spento Holer Togni, apprezzato stunt-man che ha incantato migliaia di italiani con le sue acrobazie. Una lunga storia che parte dalla nascita in una famiglia circense, tant’è vero che dopo essersi spento nella sua casa a Milano, Holer è stato omaggiato da tante associazioni circensi e ricordato per la sua arte che ha incantato migliaia di italiani negli anni.

Sono in tantissimi ad essersi aggiunti alla tristezza per la perdita di un personaggio che ha fatto la storia dell’arte circense e dello stunt-man, raccogliendo anche grosse soddisfazioni, tra cui l’ingresso del Guinness World Record. Holer Togni detiene il primato per aver guidato un tir inclinato su tre ruote nel 1995. In uno dei suoi spettacoli ha coinvolto perfino l’elegante e mai scomposto Gianni Agnelli che in un’evoluzione a bordo di una Fiat 131 convinse l’imprenditore a diventare sponsor dei suoi show.

Holer Togni, addio allo stunt-man da record

Holer Togni 31102022 inews24.it
Holer Togni (@Facebook)

È Holer Togni il fautore, nel 1971, dello show itinerante Stunt Cars di cui molti avranno sicuramente visto le locandine in giro per la propria città visto e considerato che ha girato tutta Italia e una parte dell’Europa incantando grandi e piccoli. Una vita all’insegna del rischio e dell’adrenalina coinvolgendo tutti gli spettatori nelle più grandi arene d’Europa, anche l’autodromo di Monza. Durante la sua carriera, Holer non ha mai rivelato i trucchi del mestiere e non perché ne fosse geloso, ma perché ha sempre avuto il timore che il suo esempio ed i suoi segreti potessero finire in mani fumantine: il suo lavoro è sempre stato ad alto rischio e non ha voluto mai sentirsi responsabile di eventuali imitazioni.

Una vita intera dedicata alle acrobazie, al rischio, all’adrenalina ed alla passione per le auto nel ruolo dello stunt-man che difficilmente qualcuno dimenticherà.