Poste Italiane, attenzione agli avvisi: rischiate di perdere i soldi

Attenzione ai libretti postali dormienti che verranno chiusi: Poste Italiane avvisa i suoi clienti per non far perdere soldi

Il 21 giugno i libretti postali dormienti sono stati estinti, adesso proseguono le verifiche con la data fissata per lo scorso 20 ottobre: era quella la deadline entro cui dare disposizioni presso l’ufficio postale in merito al proprio libretto postale.

Poste
Poste Italiane (Foto: Facebook)

I libretti postali dormienti sono coloro che non hanno movimenti in entrata o in uscita dal titolare da più di 10 anni. Il tempo per regolarizzarli è ormai finito, a partire dalla data del 21 giugno in cui essi sono stati estinti e con la seconda data del calendario che è stata quella del 20 ottobre. Entro quella deadline, infatti, sarebbe stato possibile dare disposizioni presso l’ufficio postale legato al proprio libretto risultante dormiente al 31 marzo 2022.

Dal 21 ottobre in poi i conti sono stati estinti e le somme di denaro trasferite direttamente al fondo istituito dalla finanziaria 2006 (legge 266/05). Tuttavia, non è tutto perduto. C’è comunque la possibilità di recuperare quei soldi, seguendo una trafila di cose da fare dietro cui occorrerà del tempo, ma che ridarà quanto momentaneamente perso.

Poste Italiane, come recuperare i soldi dei libretti dormienti estinti

Poste Italiane
Poste Italiane (Foto: Facebook)

Qualora non aveste rimediato per tempo alla chiusura del libretto postale dormiente, la cifra al suo interno non è andata totalmente perduta. Dal momento della chiusura e fino al decimo anno, quindi 2032 in questo caso, sarà possibile ritirare la somma contenuta nel libretto chiuso attraverso il Fondo Cosap del ministero dell’Economia.

Tuttavia, vigono ancora molte perplessità sul proprio libretto postale. Per capire se se ne possiede uno, di cui magari ci siamo dimenticati, basterà recarsi al proprio ufficio postale di riferimento oppure entrare nel sito di Poste Italiane e verificare direttamente online tramite gli elenchi presenti. Può capitare di non ricordare di avere un libretto postale e lasciarlo lì, appunto, dormiente, ancor più quando le cifre al suo interno sono pari a zero.

Recuperare, eventualmente, il libretto postale sarà molto facile: la procedura non chiede particolare abilità e c’è la fortuna di potersi rivolgere al proprio ufficio postale della città.