“Ha mentito anche a me”, retroscena su Gabriel Garko: parla la sua ex

Gabriel Garko ha vissuto come una doppia vita ed ha dovuto mentire a più persone: il racconto della sua ex

Gabriel Garko per un lungo tempo ha mentito sulla sua sessualità, salvo poi scegliere di fare il suo coming out. Prima di allora, però, è stato insieme a diverse donne affascinanti del panorama dello spettacolo italiano.

Gabriel Garko
(@Instagram)

Gabriel Garko è attualmente impegnato nella sua sfida a Ballando Con Le Stelle dove, al fianco di Giada Lini, sta provando a dare del suo meglio e convincere la giuria. Nel frattempo, c’è chi parla ancora di lui tramite le colonne del Corriere della Sera. In particolare, Elvira Serra ha realizzato un’intervista doppia a Imma Battaglia ed Eva Grimaldi, quest’ultima ex dell’attore dichiaratamente omosessuale.

Anche Eva Grimaldi ha poi capito la sua vera natura incontrando la sua dolce metà cui oggi è molto legata, ma prima ha vissuto una storia con Garko. A proposito dell’attore, Eva ha ammesso: “Quel segreto lo avrei portato nella tomba. Non era il mio, era di Gabriel”. Sembrerebbe che neppure Imma fosse stata messa al corrente: “Macché. Ha mentito pure a me”.

Può considerarsi l’omosessualità femminile ancora un tabù? Imma Battaglia ne è certa: “No, se penso alla fluidità dei giovani. Magari lo è ancora per le persone più grandi. Resta il fatto che nella politica Lgbtq+ la parte lesbica è meno presente rispetto quella gay e trans. E in politica dopo Paola Concia non c’è stato più nessuno”.

Imma Battaglia e Eva Grimaldi, la storia del loro amore

Imma Battaglia
(Foto: Getty)

Eva Grimaldi e Imma Battaglia hanno ripercorso la loro storia, a partire da quando si sono conosciute: “Al Gay Village, nel 2008. Ero con il mio ex marito. Ci indicano Imma di spalle con la sua fidanzata di allora. Tutti a dire: ‘Che bella la fidanzata di Imma Battaglia’. Poi lei si è girata e l’ho vista la prima volta. E ho replicato: ‘Sarà tanto bella, ma avete visto il viso di Imma?’. Quando siamo tornati a Verona, ricordo che alla prima carezza del mio ex, per tre secondi ho pensato a Imma. Poi io e lui ci siamo lasciati, due anni dopo sono tornata a Roma, in un periodo per me difficilissimo, e ho chiesto a un mio amico: ‘Dai portami al Gay Village, che mi voglio sfogare con Imma Battaglia’. Per me lei lavorava lì e basta, non avevo capito il suo ruolo”.

Poi arriva settembre 2010 e Eva racconta dell’incontro: “Quando mi è venuta incontro ho cominciato a piangere come una fontana. Quella sera l’abbiamo finita a mangiare patatine e birra a un tavolino. E le ho dato il mio numero di telefono. Poi ho cominciato a stalkerizzarla: mi era entrata nel cuore come un proiettile”.