Mattarella: “Pace urgente e necessaria”. Ue avverte Lukashenko: “Si astenga dal conflitto”

Secondo Minsk, l'Ucraina si starebbe preparando ad attaccare Bielorussia. "L'Ucraina qui è la vittima. L'Ue esorta il regime della Bielorussia dall'astenersi da qualsiasi coinvolgimento".

Sergio Mattarella - Foto di Ansa Foto
Sergio Mattarella – Foto di Ansa Foto

La Federazione russa ha scatenato “una guerra sciagurata”arrogandosi “un inaccettabile diritto di aggressione” e “lascia ogni giorno una scia di morte, distruzione, odio, che inquina anche ogni campo nelle attività civili e delle relazioni. La pace è urgente e necessaria”. 

Queste le parole del presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che aggiunge che la strada per la pace passa per “un ristabilimenti della verità, del diritto internazionale, della libertà del popolo ucraino”. 

Le ragioni del mercato dell’energia – continua il Capo dello Stato italiano – ma la responsabilità delle istituzioni è esattamente quella di rimuoverli. Solo l’Ue ha la forza per farlo, intervenendo sugli automatismi dei prezzi, sui rialzi spropositati, sulle speculazioni intollerabili a danno dei cittadini: imprese e famiglie vanno protette nelle fasi più acute della crisi, perché diversamente si pregiudica il domani”. 

Alexander Lukashenko - Foto di Ansa Foto
Alexander Lukashenko – Foto di Ansa Foto

Ue: “Accuse Lukashenko sono infondate”

Abbiamo preso nota delle false accuse del regime di Lukashenko, sono infondate, ridicole. Sono inaccettabili”. Così il portavoce del Servizio di Azione Esterna Ue Peter Stano durante un incontro con la stampa, definendo “escalation”, l’ultimo intervento del presidente bielorusso.

Secondo Aleksandr Lukashenko l’Ucraina si starebbe preparando ad attaccare Minsk.L’Ucraina qui è la vittima. L’Ue esorta il regime della Bielorussia dall’astenersi da qualsiasi coinvolgimento” nella guerra contro Kiev della Russia.

Lukeshenko: “Nato ed Europa valutano di attaccare Bielorussia, anche con un attacco nucleare”

Alexander Lukashenko aveva dichiarato: “La situazione intorno alla Bielorussia, come abbiamo già detto, rimane tesa. Una delle ragioni è che l’Occidente continua a sostenere che l’esercito bielorusso si impegnerà direttamente in Ucraina. Essendo stati influenzati da queste storie fasulle, i leader militari e politici dell’Alleanze Nord Atlantica e di alcuni Paesi europei stanno ora valutando apertamente le opzioni per compiere un’aggressione contro il nostro Paese, fino a condurre un attacco nucleare”.