Lutto nello sport italiano: è morto un ex simbolo della Nazionale

Lutto nello sport italiano: è morto un ex simbolo della Nazionale. Se n’è andato alla veneranda età di 86 anni dopo una lunga battaglia con una terribile malattia

Nel mondo del basket azzurro tutti ricordano la figura di Giancarlo Sarti, ex giocatore di grande livello, divenuto manager di spessore. Oltre alla Nazionale si impose anche con Bologna, Cantù e Udine.

Lutto nello sport italiano
Grave lutto nello sport italiano (Facebook)

Verrebbe da dire che personaggi del genere, nel mondo sportivo italiano attuale, non ci sono più. Giancarlo Sarti ha saputo prima da giocare in campo, poi da dirigente dietro la scrivania, riscrivere la storia del basket azzurro. Se n’è andato in queste ore all’età di 86 anni dopo una lunga battaglia con una brutta malattia. Lascia l’adorata moglie Luisa e le due figlie, Monica e Stefania.

Sarti era nato a Pontremoli il 22 aprile 1936 e da cestista ha indossato le maglie della Pallacanestro Livorno, della Fortitudo Bologna, e della Pallacanestro Cantù, prima di approdare all’APU Udine. Nel 1971, conclusa la carriera in campo è passato al ruolo dirigenziale, sempre all’interno del club udinese. Con il patron Snaidero resero grande la realtà friulana, prima di congedarsi e approdare nel 1980 nella Juvecaserta.

Lutto nello sport italiano: è scomparso Giancarlo Sarti, un grande del basket azzurro

Giancarlo Sarti
Giancarlo Sarti (Foto: Facebook)

Lì si impose come uno dei migliori manager d’Italia, creando un vivaio che ha fatto storia nel basket italiano. Grazie a lui si deve l’arrivo in Italia di uno dei più grandi coach di sempre, Bogdan Tanjevic, con cui svariati anni dopo (1999) la Nazionale conquistò il titolo Europeo in Francia.

Dopo essersi trasferito nel 1986 alla Pallacanestro Trieste, approdò nella stagione successiva alla prestigiosa Fortitudo Bologna, dove rimase per tre campionati. Alla fine fece ritorno a Caserta dove lavorò ininterrottamente fino al 1998. Nella classifica dei general manager più vincenti del basket italiano, Sarti è al quarto posto. A lui si deve anche la crescita di molti talenti che hanno contraddistinto l’ossatura della Nazionale di pallacanestro. 

Lui stesso ha vestito la casacca azzurra per 12 volte tra la fine degli anni ’50 e l’inizio degli anni ’60, risultando uno dei cestisti più importanti di quel periodo.

I funerali sono in programma nella giornata di oggi (sabato 23 luglio) all’interno della chiesa di San Francesco a Villafranca alle 17.30.