Guerra in Ucraina: riscritta in russo l’insegna di benvenuto di Mariupol

Secondo la polizia ucraina poi, i russi starebbero demolendo i condomini dei cittadini "indiscriminatamente" e i corpi dei residenti uccisi dalle bombe vengono rimossi insieme con il cemento.

I russi sostituiscono la vecchia insegna di benvenuto di Mariupol con una nuova in grafia russa - Foto di Ansa Foto
I russi sostituiscono la vecchia insegna di benvenuto di Mariupol con una nuova in grafia russa – Foto di Ansa Foto

I russi hanno smantellato linsegna di benvenuto all’ingresso della città ucraina di Mariupol e l’hanno sostituita con una in lingua russa. Lo riportano i media di Kiev.

Il monumento inizialmente era dipinto con i colori della bandiera ucraina, giallo e blu, mentre adesso riporta la grafia russa del nome di Mariupol con i colori del vessillo russo: bianco, rosso e blu.

Riscritta in russo l'insegna di benvenuto a Mariupol - Foto di Ansa Foto
Riscritta in russo l’insegna di benvenuto a Mariupol – Foto di Ansa Foto

Mariupol, città marittima dell’Ucraina, è ormai finita sotto il controllo di Mosca.

Pronti i documenti russi per i cittadini di Mariupol

Secondo le forze armate ucraine, i russi avrebbero pianificato di sostituire i documenti dei cittadini ucraini con i documenti russi. “Ciò è dimostrato dai dati ottenuti dal controspionaggio militare della SBU sulle posizioni degli invasori – scrivono le Forze Armate sui social – nonché sul comportamento dei razzisti in quelle parti dell’Ucraina, che sono attualmente temporaneamente sotto la loro occupazione. In particolare – concludono – è stato trovato un nascondiglio nemico con moduli di passaporto dell’ex URSS. È stato allestito in una casa abbandonata vicino alla città di Mariupol, nel distretto di Bucha”. 

Guerra in Ucraina - Foto di Ansa Foto
Guerra in Ucraina – Foto di Ansa Foto

Condomini demoliti senza prima rimuovere i corpi

Secondo la polizia ucraina poi, i russi starebbero demolendo i condomini dei cittadini “indiscriminatamente” e i corpi dei residenti uccisi dalle bombe vengono rimossi insieme con il cemento. L’esercito di Mosca li starebbe portando “come spazzatura” nelle discariche per i rifiuti solidi di Mariupol. È noto che i corpi e i detriti sono immagazzinati nella discarica della Rive Gauche e in quella nel distretto di Primorsky, dismessa nel 2008.