Epatite infantile: l’Iss esclude legame col vaccino anti-Covid

"Nella quasi totalità dei casi in cui si è a conoscenza dello status i bambini colpiti non erano stati vaccinati", afferma l'Iss, secondo cui è improbabile anche l'ipotesi che sia un adenovirus a causare le epatiti. 

Epatite nei bambini (generica) - Ansa Foto
Epatite nei bambini (generica) – Ansa Foto

Al momento non ci sono elementi che suggeriscano una connessione tra la malattia e la vaccinazione contro il Sars-CoV-2 e anzi, diverse condizioni potrebbero escluderla“. Così l’Istituto superiore di sanità in un approfondimento sulle epatiti acute di origine sconosciuta che hanno colpito bambini nel mondo.

Iss: improbabile anche che un adenovirus causi le epatiti

Nella quasi totalità dei casi in cui si è a conoscenza dello status i bambini colpiti non erano stati vaccinati“, continua l’Iss, secondo cui è improbabile anche l’ipotesi che sia un adenovirus a causare le epatiti.

La Pediatria di Famiglia ha dato immediata disponibilità, attivando una rete di sorveglianza sul territorio nazionale per i casi di epatite che si dovessero verificare”. Lo afferma Antonio D’Avino, presidente della Federazione Italiana Pediatri Fimp, che ha incontrato il ministro della Salute Roberto Speranza. “Il ministro ci ha chiesto di rafforzare l’impegno nell’attività vaccinale, in particolare contro il Covid, alla luce della ripresa dell’epidemia in alcune aree della Cina costrette al lockdown. Fimp invierà oggi le indicazioni del Ministero, perché si attivi uno stato di massima attenzione sul rischio della malattia”.

Cosa si conosce dell’epatite infantile

Nel mondo, in totale, sono stati segnalati ad oggi circa 190 casi di epatite grave nei bambini. Il dato è del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc). La malattia è stata segnalata per la prima volta in Regno Unito all’inizio di aprile e da allora è stata trovata in almeno 12 casi a livello globale. Sono inclusi 40 casi nell’Ue. L’Ecdc sta indagando sui casi di epatite grave nei bimbi insieme all’Oms.

I casi non sono collegati ai virus tipici dell’epatite A, B, C, D ed E. Secondo gli esperti potrebbe trattarsi di un’infezione virale probabilmente causata da un adenovirus, una famiglia comune di virus che può causare, tra le altre condizioni, il raffreddore. Un tipo di adenovirus causa anche gastroenterite acuta.