“Erano zavorre di paure”. Raoul Bova e quel ricordo straziante: brividi!

Raoul Bova e quel ricordo straziante che ha cambiato la sua vita. “Erano zavorre di paure”.

Questa sera andrà in onda la quarta puntata della fiction Don Matteo 13. Il pubblico è già a conoscenza del fatto che a breve l’attore Terence Hill lascerà il testimone a Raoul Bova che nella fiction vestirà i panni di don Massimo.

(Instagram)

Questa transizione rappresenta per tutti i telespettatori un cambio epocale e in molti si chiedono se questo inciderà con gli ascolti. “Noi come comunicatori non dobbiamo fare sempre quello che il pubblico chiede – ha affermato Luca Bernabei, produttore di Lux Vide, la casa di produzione di Don Matteo. – Se si lavora bene non ci sarà nessun calo di ascolti. Perché affrontare nuove trame e soluzione nella storia di Don Matteo e ‘darle’ al telespettatore è importante. Soprattutto cambiare per mantenere una certa vitalità nella serie”. Starà al pubblico giudicare se la decisione presa è stata un azzardo o un colpo di genio. In attesa però è bene ricordare un momento particolare del successore di Terence Hill.

“Erano zavorre di paure”. Raoul Bova e quel ricordo straziante: brividi!

Raoul Bova
Raoul Bova (Instagram)

Tempo fa a Verissimo Raoul Bova ha raccontato della morte della madre Rosa: “Era all’inizio del Covid. Mia madre aveva problemi polmonari. Potrebbe essere mancata di Covid, nessuno lo sa – ha spiegato l’attore. – Hanno provato a intervenire ma dicono sia mancata prima dell’intervento. Ho cercato di scoprirlo. Le domande non mi portavano indietro mia mamma ma mi hanno dato quel famoso cazzotto che ti porta al tappeto. È stata dura. Le mie tre donne e i miei figli mi hanno portato a risollevarmi e a togliermi quei chili di troppo che erano zavorre di pensieri, preoccupazioni e paure. Ora sono sereno”.

Come molti ricorderanno Raoul Bova tempo fa era apparso in pubblico notevolmente dimagrito. L’attore spiegò di essere ingrassato di ben 20 chili negli ultimi tempi: “Il lavoro non andava troppo bene perché stavo male: mi ero rotto una gamba e tra cure e fermo forzato ero ingrassato di 20 chili. Ora invece mi alleno tutti i giorni, vado a nuotare alle 5 del mattino e alle 7 sono sul set felice e pieno di energia”.