Omicidio Luca Attanasio: presunti assassini arrestati in Congo

L'Ambasciata italiana in Congo è entrata in contatto con le autorità congolesi competenti e secondo l'Ansa è in attesa di avere informazioni ufficiali. 

Congo, morte Attanasio e Iacovacci
Luca Attanasio, l’ambasciatore italiano ucciso in Congo (foto: Facebook)

La polizia del Congo avrebbe arrestato i presunti assassini dell’ambasciatore italiano Luca Attanasio, ucciso il 22 febbraio 2021 insieme al carabiniere Vittorio Iacovacci e all’autista Mustapha Milambo.

LEGGI ANCHE: Elezioni Quirinale: il totonomi dei candidati a sei giorni dal voto

Ad annunciarlo, le autorità del Nord Kivu durante una conferenza stampa a Goma, secondo quanto twittato da Justin Kabumba, corrispondente locale di France24 e Ap, e Stanis Bujakera Tshiamala, giornalista Reuters e Dpa. 

I tweet mostrano anche alcune foto e un video dei presunti assassini, ma al momento la notizia non è stata confermata dalle autorità competenti. 

Ambasciata italiana in attesa di informazioni ufficiali

Subito dopo aver appreso del presunto arresto degli assassini dell’ambasciatore Luca Attanasio, l’Ambasciata italiana in Congo è entrata in contatto con le autorità congolesi competenti e secondo l’Ansa è in attesa di avere informazioni ufficiali. 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Beppe Grillo indagato a Milano per contratti pubblicitari con la Moby

Spero fortemente che possiamo mantenere un percorso diplomatico e pacifico, ma alla fine la decisione spetta al presidente Putin”, sono le parole del segretario di Stato Usa Antony Blinken, con le quali, durante una visita in Ucraina, ha invitato il presidente Vladimir Putin a intraprendere la via della pace. 

Il senatore Alessandro Alfieri, capogruppo del Pd in Commissione Esteri, su Facebook ha commentato la notizia: “L’Italia deve continuare a seguire con attenzione lo sviluppo delle indagini delle autorità locali. Tutte le responsabilità devono essere accertate. Lo dobbiamo alle famiglie dell’ambasciatore Attanasio, del carabiniere scelto Iacovacci e del loro autista. Lo dobbiamo a tutte le donne e agli uomini del nostro corpo diplomatico”.