Morte Paolo Calissano, Stefano Orlando devastata: testimonianza drammatica

Morte Paolo Calissano, Stefano Orlando devastata: testimonianza drammatica. La showgirl romana lo conosceva bene, il dolore è ancora forte

Il dolore per un evento inatteso ma anche per la perdita di un amico caro. La morte di Paolo Calissano, trovato senza vita nella sua casa romana il 30 dicembre, ha scosso anche il suo ambiente ed è stata una mazzata per quelli che negli ultimi anni hanno avuto a che fare con lui.

Stefania Orlando (Instagram)

Come Stefania Orlando, cugina di Fabiola Palese che è stata fidanzata con l’attore ligure fino a due anni fa. Come ha raccontato a La Vita in Diretta, anche se non si amavano più dopo sei anni insieme, avevano continuato a mantenere buoni rapporti. E Calissano nel 2019 era stato anche tra gli invitati del matrimonio di Stefania con Simone Gianlorenzi, quindi per lei era come uno di famiglia

Fabiola Palese è stata la prima a dare l’allarme, perché non riuscita a contattare il suo ex, e per questo lo ha trovato morto. Un dolore feroce per lei ma anche per chi, come la Orlando, ha vissuto la loro storia fa vicino.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Alfonso Signorini, l’anno comincia malissimo: Mediaset studia le contromosse

Morte Paolo Calissano, Stefano Orlando devastata: un dolore che non passa

“Fabiola è devastata dal dolore e ha anche qualche senso di colpa che per me non dovrebbe avere. Erano rimasti vicini anche quando si erano lasciati”, ha raccontato Stefania Orlando. E poi ha confermato che Paolo era una persona splendida e quindi è contenta che tanto ex colleghi abbiano parlato bene di lui.

Paolo Calissano - Foto archivio Ansa
Paolo Calissano (ANSA)

Ma ora l’attesa passa ai risultati dell’autopsia che dovrebbero stabilire definitivamente le cause della morte e altri particolari che al momento non sono ancora chiariti. Come ha raccontato l’inviato del programma di Rai 1, due giorni prima del suo ritrovamento, Calissano era entrato su WhatsApp alle 20:18 e quindi non poteva essere morto da più di due giorni. E poi, soprattutto, con lui poteva esserci qualcuno nei momenti prima del suo malore fatale?