Funerali Lina Wertmüller, la proposta della figlia: “Dedicare a mamma una piazza, un teatro o un cinema”

Massimo Wertmüller: “Da una parte piango mia zia, che si porta via tutti i miei ricordi belli di famiglia. Poi si piange il genio che ho avuto la fortuna di avere dentro casa”.

Lina Wertmüller - Foto di Getty Images
Lina Wertmüller – Foto di Getty Images

Il feretro di Lina Wertmüller è stato accompagnato da un lungo applauso della folla lungo le transenne, fino all’arrivo nella Chiesa degli Artisti a Roma, dove sono stati celebrati i funerali.

LEGGI ANCHE: Lina Wertmüller: in Campidoglio l’ultimo saluto alla grande regista

Maria Zulima Job, figlia adottiva della regista scomparsa il 9 dicembre all’età di 93 anni, è arrivata ai funerali tenendo per meno i familiari e gli amici più stretti. Moltissimi i volti noti giunti per salutare la grande artista. Tra questi, Giancarlo Giannini, Giuliana De Sio, Domenico De Masi, Caterina D’Amico, Yard Gugliucci, Marina Cicogna, Cinzia TH Torrini ed Elisabetta Villaggio, figlia di Paolo. 
“Lina era una grande donna e una grande regista, senza di lei non avrei fatto nulla”, ha affermato Giancarlo Giannini.

Sulla bara di Lina Wertmüller, oltre ai fiori bianchi e rossi, è stata posizionata una sua foto e un paio dei suoi immancabili occhiali bianchi. La santa messa è stata celebrata da don Walter Insero.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Quirinale, Malan (FDI) a iNews24: “Draghi presidente della Repubblica? Meglio le elezioni”

Funerali Lina Wertmüller: le parole di amici e parenti

Oggi la ricordiamo, facciamolo senza nessuna retorica”, ha detto Giuliana De Sio al suo arrivo. “Ieri abbiamo anche cantato alla camera ardente. Siamo sereni. Lina se n’è andata senza soffrire, ha vissuto libera come ha voluto. Dobbiamo festeggiarla”.

Maria Zulima Job, figlia della cineasta ha avanzato una proposta: “Sarebbe bello se Roma dedicasse a mamma una piazza o un teatro o un cinema”.

LEGGI ANCHE: La Calabria diventa zona gialla da lunedì 13 dicembre: l’ordinanza di Speranza

Commoventi anche le parole del nipote, l’attore Massimo Wertmüller: “Da una parte piango mia zia, che si porta via tutti i miei ricordi belli di famiglia. Poi si piange il genio che ho avuto la fortuna di avere dentro casa”.

Rita Pavone ricorda così Lina Wertmüller: “È stata la mia mamma artistica. Mi ha portato a fare cose che mai avrei pensato di poter fare. Era frizzante e spumeggiante con un carattere che adoravo”.