Addio alla regista Lina Wertmüller, la prima donna della storia candidata all’Oscar

Nel 2020 ha ricevuto il Premio Oscar onorario alla carriera “per il suo provocatorio scardinare con coraggio le regole politiche e sociali, attraverso la sua arma preferita: la cinepresa”.

Lina Wertmüller - Foto di Getty Images
Lina Wertmüller – Foto di Getty Images

Lina Wertmüller è morta questa notte a Roma all’età di novantatré anni. È stata una protagonista assoluta del cinema italiano, oltre che la prima donna della storia candidata all’Oscar come migliore regista per il film Pasqualino Settebellezze nel 1977. A dare la triste notizia è stato un amico sui social. Fonti vicine alla famiglia hanno dichiarato che si sarebbe spenta serenamente a casa, con la figlia e i suoi cari accanto. 

LEGGI ANCHE: Terze dosi, le scorte potrebbero finire: chi preferisce Pfizer rischia un mese di attesa

L’Oscar alla carriera e la stella sulla Walk of Fame di Hollywood

Nel 2020 ha ricevuto il Premio Oscar onorario alla carriera “per il suo provocatorio scardinare con coraggio le regole politiche e sociali, attraverso la sua arma preferita: la cinepresa”. E un anno prima, nel 2019, ha avuto la sua stella sulla Walk of Fame di Hollywood. Lina Wertmüller è nata a Roma il 14 agosto del 1928, figlia di Federico Wertmüller, avvocato originario di una famiglia aristocratica svizzera, e di Maria Santamaria-Maurizio, romana. Era la zia dell’attore Massimo Wertmüller. 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Sciopero generale del 16 dicembre, partiti divisi sulla linea da tenere verso i sindacati

Tanti dei suoi film sono indimenticabili. Tra questi Mimì metallurgico ferito nell’onore, Film d’amore e d’anarchia o Travolti da un insolito destino nell’azzurro mare d’agosto. Per Pasqualino Settebellezze, che fu un gran successo anche negli Stati Uniti, è stata candidata a tre Premi Oscar (migliore regia, miglior film straniero, migliore sceneggiatura, mentre una quarta candidatura era arrivata a Giancarlo Giannini per l’interpretazione del protagonista). Prima del grande successo, è stata aiuto regista di Federico Fellini nel film La Dolce vita. Il suo nome di battesimo era Arcangela Felice Assunta Wertmüller von Elgg Spanol von Braueich.