Amici 21, racconto drammatico: “Soffro di attacchi di panico” – VIDEO

Dopo l’esibizione, uno degli alunni di Amici 21 ha svelato di un dramma che vive e che colpisce tantissime persone

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da AMICI VIDEOS (@amicivideos)

Questa domenica, la gara cover è stata giudicata da J-Ax che ha stilato poi una sua classifica personale. I ragazzi hanno dovuto scegliere tra brani che esprimevano due emozioni differenti: rabbia o felicità.

LEGGI ANCHE > > > Mara Venier, novità allarmanti: il responso è molto chiaro

NON PERDERTI > > > Maria De Filippi, l’annuncio manda in visibilio tutti: Mediaset ha deciso

Tra gli altri, LDA ha scelto una canzone che esprimesse rabbia: Fuck It di Eamon, brano del 2004. Su questo, però, il cantante di Amici 21 ha deciso di scrivere di un tema molto importante: “Volevo dire a tutti i ragazzi che soffrono di ansia sociale e attacchi di panico che se sono riuscito io a parlare davanti a milioni di persone, loro devono parlarne con i loro genitori e non fare scemenze”.

LEGGI ANCHE > > > Uomini e Donne, storia d’amore finita per l’ex tronista: fan delusi

Amici 21, LDA e la dedica sociale: la classifica finale

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Amici Official (@amiciufficiale)

Alla fine della sfida, J-Ax ha stilato la sua lista:

  1. LDA
  2. Albe
  3. Rea
  4. Sissi
  5. Alex
  6. Simone
  7. Tommaso

La classifica ha suscitato qualche polemica perché Alex è per la prima volta in sfida. Per Tommaso, invece, è ormai un’abitudine cui però non riesce a rassegnarsi: il cantante sta vivendo qualche momento di crisi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE > > > GF Vip 6, pronti almeno tre nuovi ingressi nella casa: i nomi

Le barre che hanno fermamente convinto J-Ax, cantate da LDA sono state le seguenti: “Io che mi sento solo in mezzo alle persone, ci vuole coraggio per poi dare amore, quel senso di vuoto che mi appanna gli occhi, prima strozza l’aria poi mi stringe il cuore. Io vorrei piangere e non ci riesco, quelle gocce bagneranno dentro. E se tutto questo non avesse un senso, purché coprire il chiasso con il mio silenzio. Ad oggi penso che il cielo è più bello se poi ricoperto da nuvole ma di passaggio, io in quel locale passavo per caso. L’ansia sociale che mi mangia l’anima un pò mi mette in imbarazzo. Vorrei tanto truccare questo malessere e non riesco a farlo. Fanculo gli attacchi di panico, vorrei farli passare in un attimo. Ora non so più che fare, anche le pene cantano. Ma la vita è bella pure se succede questo. Ora sono solo ma dentro di me c’è troppo casino e non so il perché, mi tappo le orecchie per poi non sentire mai più quelle voci”.