Ribaltone su una storica panchina italiana: è stato esonerato

La decisione è arrivata soltanto poche ore fa, nonostante fosse nell’aria da tempo. Esonerato l’allenatore di una storica panchina italiana

gilardino
Esonerato l’allenatore sulla storica panchina italiana. C’è già il comunicato ufficiale (Getty Images)

I risultati poco soddisfacenti hanno obbligato la società a delle riflessioni. Dopo aver ottenuto una sola vittoria nelle ultime cinque fare, il Siena ha comunicato di aver esonerato Alberto Gilardino dal ruolo di allenatore. Troppi i sette punti di distanza (che potrebbero diventare dieci) dalla Reggiana capolista.

Se ne parlava già martedì scorso dopo la sconfitta per 2-0 contro il Viterbo, poi la dirigenza ha preferito aspettare la gara di ieri contro il Pescara (pareggiata 1-1). Si conclude dunque l’avventura dell’ex campione del Mondo, che già lo scorso anno era stato esonerato dal Siena in serie D.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Calciomercato Juventus, bomba pazzesca: arriva un big a parametro zero

Gilardino esonerato dal Siena: la decisione del club

gilardino
Alberto Gilardino costretto a lasciare la panchina del Siena dopo alcuni risultati poco soddisfacenti (Getty Images)

Alberto Gilardino è stato esonerato dal Siena dopo il pareggio contro il Pescara. Il club toscano ha preso questa decisione visti i brutti risultati del club e la distanza sempre più ampia dalla capolista. Il tutto nonostante le parole del d.s. Perinetti nell’intervallo del match giocato ieri: “La società appoggia il tecnico come ha sempre fatto“. L’ufficialità del divorzio è infatti arrivata proprio oggi domenica 24 ottobre verso l’ora di pranzo.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Calciomercato Milan, pronto il colpo a gennaio: decisione a sorpresa!

Lo scorso anno, Gilardino allenò il Siena in serie D e, dopo un primo esonero, venne richiamato qualche settimana dopo per via dei risultati insoddisfacenti del suo sostituto Marian Pahars. Ora la squadra dovrà ricompattarsi e puntare a traguardi importanti, soprattutto vista l’ambiziosa rosa in cui spicca – tra gli altri – Alberto Paloschi.