Ex Miss Italia rivela il terribile dramma: “Mio padre è morto accanto a me”

Una terribile tragedia che ha segnato la vita dell’ex Miss Italia che si lascia andare al drammatico racconto 

 

View this post on Instagram

 

Un post condiviso da Eleonora Pedron (@eleonorapedron)

Eleonora e suo padre Adriano Pedron erano molto legati fin quando un terribile incidente non gli ha stroncato la vita. L’ex Miss Italia ha raccontato di come sono andati i fatti quel giorno in cui lei era presente, infatti, l’uomo la stava accompagnando a fare un provino come velina a Cologno Monzese quando hanno avuto l’incidente che ha portato al coma e poi alla morte Adriano, mentre lei si ruppe il bacino, la spalla sinistra e il trauma cranico che, tutt’oggi, le causa problemi di memoria.

LEGGI ANCHE > > > Uomini e Donne, è crisi tra l’amatissima coppia? La verità dell’ex corteggiatrice

NON PERDERTI > > > Luciana Littizzetto, confessione da brividi sui figli: c’entra Maria De Filippi

Eleonora ha visto la morte di suo padre con i suoi occhi e afferma: “Non posso provare senso di colpa, doveva andare così. Mio padre era molto orgoglioso di me e so che quel viaggio è stato una cosa bella per lui e, nonostante tutto, anche per me”.

LEGGI ANCHE > > > Sangiovanni alza la voce: “Si tratta di rispetto”. Il motivo del duro sfogo

Eleonora Pedron e la perdita della sorella Nives

Un altro evento terribile che ha segnato la vita di Eleonora Pedron è stata la perdita della sorella Nives, a soli 14 anni. Anche lei ha perso la vita in seguito ad un incidente stradale, ma quella volta alla guida c’era la mamma.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE > > > Anticipazioni Uomini e Donne, Gemma Galgani è irrefrenabile: bacio record

In merito ai due lutti che hanno inevitabilmente cambiato il corso della sua vita, l’ex Miss Italia ha confessato: “Ho accettato, trattenendo le cose dentro. L’ho fatto da quando ero piccola: non avevo chiesto io di crescere così in fretta. Forse provo rabbia a non poter pranzare tutti insieme la domenica. Provo rabbia al pensiero che i miei figli non abbiano potuto conoscere un nonno e una zia così speciali”.