Melissa Satta attaccata da una famosa collega: “A Sky solo perché è bella”

A SKY Melissa Satta ha trovato il suo posto, ma una collega senza peli sulla lingua non le manda a dire alla showgirl

Melissa Satta e Paola Ferrari
Melissa Satta e Paola Ferrari (@Twitter)

Melissa Satta è il nuovo volto di Sky Calcio Club e tra i suoi nuovi colleghi si trova molto a suo agio. Ormai dall’inizio del campionato è una presenza fissa al fianco di Fabio Caressa, ma Paola Ferrari ha una sua convinzione e l’ha ammesso senza peli sulla lingua.

LEGGI ANCHE > > > Paola Perego si apre al pubblico e rivela: “Ho sofferto molto”

NON PERDERTI > > > Elodie, la notizia è sensazionale: applausi a scena aperta per lei!

Anche Paola Ferrari, fin qui, si è occupata di sport seguendo l’Italia fino alla vittoria degli Europei. Proprio la giornalista ha affermato: “La funzione di Melissa è solo quella di dare sostanza a uno stereotipo dei più triti, quello della bella donna che sta lì solo per mettere in mostra le sue belle qualità. Non giornalistiche. Anche tutti quei risolini quando si è tolta la giacca: una scena vecchia, superata, avvilente. È ‘erbaccia’ televisiva che purtroppo fatichiamo a estirpare”.

LEGGI ANCHE > > > GF Vip 6, disperazione e lacrime: “Voglio andare via”

Melissa Satta, la risposta a Paola Ferrari

Melissa Satta
(@Twitter)

Paola Ferrari non è nuova alle critiche sulle colleghe, in passato non ha dispensato da frecciatine anche al volto DAZN, Diletta Leotta. Melissa Satta, tuttavia, non ha aspettato a rispondere: “Non sono una giornalista e non mi permetterei mai di definirmi giornalista, perché, appunto, non lo sono. In Sky ci sono donne che fanno le giornaliste in maniera pazzesca, sono bravissime”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE > > > Amici 21, verdetto ufficiale: chi pagherà il provvedimento disciplinare – VIDEO

La moglie di Alessandro Matri ha anche spiegato il motivo per cui, da quest’anno, si trova nei salottini di SKY: “Sono stata chiamata da Fabio Caressa al Club per fare spettacolo, perché si voleva dare una chiave un po’ diversa al programma e ho cercato di portare quello che sono io”.