Claudio Amendola, retroscena doloroso in tv: “Ho pianto tanto”

Claudio Amendola, retroscena doloroso in tv pensando alla sua lunghissima storia d’amore con Francesca Neri: “Ho pianto tanto”

Una lunga storia d’amore, come quella che cantava Gino Paoli. Così è anche per Claudio Amendola e Francesca Neri, una delle coppie più belle e longeve nel mondo dello spettacolo italiano, anche se non tutto funziona come l’attore romano e la sua collega vorrebbero.

(Instagram Verissimo)

Ospite a ‘Verissimo’, dove spesso è di casa, Amendola ha rivelato che non è una fase semplice della loro vita privata. Sgombriamo subito il campo da dubbi e illazioni: l’amore è forte come il primo giorno anche se il rapporto con il tempo si è evoluto. Ma entrambi devono lottare contro la malattia che da tempo ha colpito la Neri ormai sei ani fa e non è facile.

“Mia moglie Francesca ha una malattia – ha spiegato –  un dolore fisico enorme. In realtà, non una malattia chiara, ma che le crea difficoltà nel vivere le sue giornate. Però anche nel male, cerca la forza per stare bene e e ne ha parlato nel suo libro che presenterà presto. L’ho letto e ho pianto tanto. Il racconto che fa dei suoi ultimi anni di vita è molto coraggioso”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Mara Venier, toccante confessione: “Ho avuto dolori laceranti”

Claudio Amendola, retroscena doloroso in tv: la storia con Francesca Neri funziona bene da 23 anni

Francesca Neri  dal 2015 soffre di una sindrome che non ha mai realmente confessato in pubblico e propri per questo ha ridotto i suoi impegni pubblici e di lavoro. Lei e Claudio Amendola stanno insieme dal 1998 e un anno dopo è nato Rocco, il figlio della coppia dopo che l’attore romano aveva già avuto Giulia e Alessia dal primo matrimonio con Marina Grande finito 24 anni fa.

Francesca Neri e Claudio Amendola (Getty Images)

Una coppia bellissima e moto affiata che con il tempo, come svela lui, ha anche smussato alcun angoli. Come quello della gelosia che poteva rovinare tutto: “Ora se qualcuno corteggia Francesca a distanza mi fa piacere. Significa che quello  fortunato sono io. E con il tempo Impari ad accettare i difetti”.