Alitalia, scoppia la protesta anche a Palermo: in piazza i dipendenti Almaviva

Oltre seicento famiglia rischiano di perdere vent'anni di lavoro nel passaggio di contratto con la nuova proprietà Alitalia

0

Sono 620 i dipendenti Almaviva che rischiano di vedere stravolto il proprio contratto dopo l’ennesimo capitolo della Vertenza Alitalia.

Con il passaggio alla nuova compagnia ITA, infatti, gli impiegati del call-center di Palermo rischiano di vedersi cancellati tutti gli scatti di carriera accumulati in vent’anni di lavoro: “Dovremo ricominciare tutto daccapo”.

almaviva
Protesta Almaviva a Palermo

I sindacati hanno tenuto un presidio di protesta in piazza per discutere del futuro dei lavoratori Almaviva Contact.

Cgil Cisl Uil Palermo, Ugl, insieme alle segreterie territoriali di categoria Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom uil e Ugl Tlc  hanno ribadito che “Palermo non può permettersi di perdere questi posti di lavoro”.

Alitalia, esuberi e contratti: salta il negoziato

Il negoziato tra la nuova proprietà Alitalia e i sindacati si è bruscamente interrotto nella giornata di ieri. Al centro della contesa i nuovi contratti e gli esuberi previsti dal piano del presidente di Ita, Alfredo Altavilla.

In questo scenario confuso arriva anche a un punto di rottura la trattativa tra la Commissione europea e il governo Draghi. Al centro del tavolo il prestito ponte da 900 milioni che l’Italia ha accordato nel 2017 ad Alitalia. La sentenza della Commissione sarà di condanna per aiuti di Stato non compatibili con le normative europee. Soldi che la nuova Ita dovrà restituire. Per questo il governo è al lavoro su un decreto urgente per consentire il passaggio ordinato da Alitalia ad Ita il prossimo 14 ottobre.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui