Haiti, spaventoso terremoto di magnitudo 7.2: già recuperati dalle macerie oltre 300 cadaveri

Un sisma di 7.2 gradi Richter ha colpito l'isola tropicale già vittima nel 2010 di un terremoto che causò 220mila morti

0

uragano laura

Una scossa di terremoto di 7.2 gradi sulla scala Richter ha colpito alle 8:30 di mattina (ora locale, 13:30 fusorario italiano) l’isola tropicale di Haiti. L’epicentro è stato registrato a 10km di profondità sotto la città di Saint-Louis-du-Sud. La terra ha tremato per lungo tempo in tutto il paese ed è stata avvertita a centinaia di chilometri di distanza, tanto da far attivare l’allerta Tsunami.

Danni ed edifici crollati si registrano su tutta l’isola e la conta dei morti segna già quota 300 vittime, ma è destinata a salire. Jeffry Chandler, direttore della Protezione Civile haitiana, ha reso noto che 17 corpi sono stati rinvenuti a Grand-Anse, 9 nella cittadina di Cayes e i restanti tre a Nippes.

Il presidente Ariel Henry è giunto nella zona più colpita dal sisma, nel sud-ovest di Haiti. Dal suo account Twitter informa di aver già messo all’opera tutto il governo per gestire la macchina degli aiuti.

Allerta Tsunami rientrata

L’allarme per il pericolo Tsunami diramato subito dopo la scossa è stato cancellato dallo US Tsunami Warning System, mentre lo Us Geological Survey stima in “molto alto” il numero reale delle vittime del terremoto.

Il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, ha delegato Samantha Power, amministratrice dell’agenzia Usaid, a prendere la carica di alto dirigente americano per la gestione degli aiuti umanitari destinati ad Haiti.

Terremoto ad Haiti nel 2010

Haiti è stata devastata il 12 gennaio 2010 da un altro terremoto di magnitudo 6.1 che ha provocato la morte di 220 mila persone e lasciato senza casa oltre 1,5 milioni di haitiani. Oltre a questi cataclismi, l’isola tropicale è ciclicamente spazzata da tempeste e uragani di grandissima potenza.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui