Francesca Pascale, decisione irremovibile: non tornerà più indietro

0

Una decisione necessaria per Francesca Pascale che ha deciso con convinzione di non tornare mai più indietro

Francesca Pascale
(@Instagram by francescapascaleofficial)

Francesca Pascale è stata conosciuta in Italia come la fidanzata di Silvio Berlusconi nel 2012, all’annuncio della loro rottura nel 2019 la showgirl è sparita dagli schermi e dai gossip, salvo rientrarci oggi. In un’intervista rilasciata a La Repubblica, la fondatrice del club “Silvio ci manchi”, ha rivelato di essere intenzionata a prendere una decisione che cambierà la sua vita.

LEGGI ANCHE > > > Uomini e Donne, scelta la nuova tronista: è la prima volta nella storia

NON PERDERTI > > > Voghera, assessore della Lega spara e uccide uno straniero in piazza

“Sono credente, ma ho scelto di sbattezzarmi. La posizione della Chiesa sul Ddl Zan e la discriminazione verso gli omosessuali mi ha delusa”, ha affermato con convinzione la Pascale. Quest’ultima, difatti, si è dimostrata un’attivista nei confronti dell’approvazione del Ddl Zan che ha ricevuto critiche non solo in Parlamento, ma anche da parte del Vaticano.

LEGGI ANCHE > > > Isola dei Famosi, ex naufrago vittima di body shaming: confessione choc

Francesca Pascale, la sua decisione è irremovibile: ormai è convinta

La decisione è ormai presa, ma Berlusconi sembra essere stato contrario al suo attivismo in quanto a Ddl Zan, infatti Francesca Pascale ha rivelato: “È arrabbiato con me per la mia posizione sul ddl Zan e perché sono andata ai vari Pride d’Italia. Mi chiede sempre il perché e la mia risposta è sempre la stessa: ‘perché ci credo’. Questa volta non sono d’accordo con lui e spero cambi idea”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE > > > Orietta Berti, il successo la porta su Rai1: indiscrezione pazzesca

Oltretutto la Pascale ha fatto un duro sfogo sulla parte politica che si oppone al Ddl Zan: “Mi dà amarezza una politica che non si assume la responsabilità neppure davanti alle aggressioni verso gli omosessuali. Come si possono avere colori politici sui diritti umani? Mi dispiace vedere lo scontro tra i partiti su un tema come l’omofobia: lo trovo degradante per la politica. Mi auguro, soprattutto se c’è un rinvio della discussione a settembre, che il Ddl Zan non diventi motivo di campagna elettorale sulla pelle delle persone e alle spalle della comunità Lgbt che aspetta una legge da decenni”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui