Fortnite ufficialmente bandito? Un Paese vuole fare sul serio

0

Un Paese starebbe pensando di bandire ufficialmente Fortnite. Non si è fatta attendere la risposta di Epic Games

fortnite
Una nuova minaccia per Fortnite: un Paese vuole bandirlo ufficialmente (screenshot)

Fortnite continua a registrare numeri da capogiro in tutto il mondo. I server sono sempre pieni in Europa, in America, ma anche in Africa e in Asia. Un fenomeno inarrestabile che, grazie ai tantissimi aggiornamenti rilasciati da Epic Games, è destinato a continuare ancora per molto.

C’è però un Paese che sembra essere pronto a bandire il battle royale per sempre. Secondo quanto riportato da CNN Indonesia, un Ministro della nazione orientale avrebbe presentato una proposta per bloccare il videogame. Il motivo? Un gruppo di giocatori avrebbe creato e poi distrutto in-game la Kaaba, il più famoso sito sacro per i musulmani.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> WhatsApp, tantissimi utenti in pericolo: arriva una nuova minaccia

Fortnite, l’Indonesia vuole bandirlo: la risposta di Epic Games

fortnite
Il governo dell’Indonesia si sta muovendo in questo senso (screenshot)

Epic Games non ci sta e farà il possibile per evitare che il governo dell’Indonesia bandisca Fortnite per sempre. Nello specifico, il ministro indonesiano del Turismo e dell’Economia Creativa Sandiaga Uno ha dichiarato di aver scoperto che i giocatori possono distruggere un edificio che ricorda la Kaaba. Si tratta del simbolo islamico, posto al centro della Mecca in Arabia Saudita.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Nintendo Switch OLED è realtà: data di uscita, costo e caratteristiche

Secondo quanto riferisce Tom’s Hardware, il tutto pare sia avvenuto in una modalità sandbox di Fortnite. Non la modalità principale, dunque, ma quella creativa che permette ai giocatori di creare mappe personalizzate e distruggerle subito. Epic Games ha risposto alle accuse con un post su Facebook: “Noi rispettiamo tutte le religioni e lavoriamo coi creatori di contenuti tra i nostri giocatori, al fine di fornire un’esperienza di gioco sicura per tutti“.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui