Zona Bianca per tutte le regioni tranne la Valle d’Aosta: la situazione

0

L’Italia intera è pronta ad entrare in zona bianca, ad eccezion fatta per la Valle d’Aosta, che resterà gialla: la situazione pandemica nel paese.

zona bianca
Gran parte dell’Italia nella zona minima di restrizioni (via Getty Images)

Tutta l’Italia si prepara ad entrare in zona bianca, fatta eccezione per la Valle d’Aosta che resterà gialla ma senza coprifuoco. La conferma arriva dal Ministro della Salute Roberto Speranza. Infatti il Ministro della Salute ha firmato un’ordinanza in cui si permette il passaggio nella zona minima di restrizioni anche per Basilicata, Calabria, Campania, Marche, Toscana, Sicilia e la Provincia autonoma di Bolzano.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Vaccini, Bassetti a iNews24: “Con terze dosi, eliminare lo stato di emergenza”

Non ci saranno limitazioni per i ristoranti all’aperto, mentre al chiuso resta l’obbligo di massimo sei persone al tavolo. Il ministro ha affermato che da lunedì quasi tutto il paese entrerà nella zona con meno restrizioni, con l’Italia che entra in una fase diversa dell’epidemia da Covid-19. Andiamo quindi a vedere i dati pandemici nella penisola e cosa cambierà durante la prossima settimana.

Zona bianca per il 99% della penisola da lunedì: cosa succederà

Zona Bianca
Gran parte delle regioni allentano le restrizioni (via Getty Images)

Il miglioramento della curva pandemica nel paese permetterà a gran parte delle Regioni di entrare in zona bianca. Nell’ultima bozza del monitoraggio Iss, l’indice Rt scende ulteriormente e si attesta a 0.69. Per questo motivo quasi tutte le regioni sono considerate a basso rischio. Infatti la situazione è leggermente differente in Basilicata, Friuli-Venezia Giulia e Molise considerate a rischio moderato. Migliora anche il tasso di occupazione in terapia intensiva che si attesta al 6%, al di sotto della soglia critica.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Sindacalista ucciso, Cobas a iNews24: “Guerra tra poveri per le categorie più sfruttate”

Nonostante il passaggio in zona bianca per tutto il paese, dal 21 giugno il coprifuoco verrà abolito anche in zona gialla. Inoltre verranno riaperti anche bar, ristoranti ed altre attività di ristorazione, che non dovranno osservare nessuna restrizione all’aperto. Sono consentite senza restrizione, quindi, la vendita di cibi e bevande e la consegna a domicilio. L’unica limitazione che resterà, quindi, sarà l’obbligo di mascherina anche all’aperto ed il divieto di assembramento, misure che serviranno per evitare un nuovo aumento di casi.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui