Vaccinazioni, 3,5 milioni di somministrazioni in 7 giorni: i numeri di Figliuolo

0

Cresce il numero di vaccinazioni in una settimana, come riporta il generale Figliuolo. Negli ultimi 7 giorni sono ben 3,5 milioni le dosi inoculate.

Vaccinazioni Figliuolo
Continua la campagna vaccinale italiana (Foto: Getty Images)

Non si ferma la campagna vaccinale italiana che sta sensibilmente accelerando nelle ultime settimane. Infatti, secondo i dati riportati dal commissario Figliuolo, sono ben 3,5 milioni le vaccinazioni negli ultimi sette giorni, per una media di mezzo milione di somministrazioni al giorno. Crescono anche i punti vaccinali in tutta Italia e raggiungono quota 2.647, 12 in più rispetto l’ultima settimana e 1.214 in più rispetto al 25 febbraio.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Mascherine al ristorante, Bassetti a iNews24: “Decisione ridicola e difficile da sostenere”

Va verso una fase finale l’immunizzazione degli over 80, con oltre il 90% degli abitanti che ha ricevuto almeno la prima dose. Mentre invece per gli over 70 il dato si attesta all’81%. Crescono anche le dosi arrivate al paese nell’ultima settimana, con ben 3.493.660 dosi di vaccino anti Covid consegnate. Dall’inizio delle vaccinazioni, l’Italia ha ricevuto 35.776.977 e di queste ne ha somministrate 33.555.795.

Vaccinazioni, prosegue la campagna di Figliuolo: Iss chiede ancora cautela

Vaccinazioni Figliuolo
Sono oltre 33 milioni le dosi inoculate nel paese (Foto: Getty Images)

Nonostante la situazione pandemica stia migliorando grazie alle vaccinazioni, l’Istituto Superiore di Sanità chiede di essere ancora cauti. Infatti in Italia continua a prevalere la circolazione della variante inglese (B.1.1.7) ed inoltre si teme la diffusione della variante indiana, che però non sembrerebbe essere più contagiosa rispetto alla B.1.1.7.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Vitali (Cambiamo!) a iNews24: “Forza Italia è guidata da persone che non hanno né autorevolezza né credibilità”

Intanto come riporta l’ultimo report dell’Iss, l’indice Rt in Italia scende ancora e si attesta a 0.72, un lieve miglioramento rispetto alla scorsa settimana (0.78). Inoltre, al momento, tutte le Regioni e le Province autonome sono classificate a rischio basso e hanno tutte un Rt medio inferiore a 1. Si va quindi a delineare uno scenario di tipo 1. Al momento quini le proiezioni riportano un’incidenza di 47 casi su 100mila abitanti, rispetto ai 66 su 100mila della scorsa settimana.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui