Denise Pipitone, scatta la prova del Dna: l’appello della mamma

0

Denise Pipitone, scatta la prova del Dna per togliere tutti i dubbi: gli sviluppi dopo la lettera anonima e l’appello della mamma

(Screenshot Canale 5)

Il caso Denise Pipitone ogni giorno sta arricchendosi con particolari e novità importanti. L’ultima arriva da ‘Pomeriggio 5’ che nella puntata di oggi ha dato un ulteriore elemento. La Procura ha infatti deciso di comparare il Dna di Denisa, la ventenne che vive a Scalea ed è stata indicata da una testimone come la bambina scomparsa, con quello di Piera Maggio.

La ragazza era stata intervistata dalla stessa Barbara D’Urso nei giorni scorsi e aveva dato la sua disponibilità al prelievo che in effetti è stato fatto. Lei comunque continua a sostenere di essere nata in una famiglia di origine rumena, trasferita in Calabria quando era piccola e soprattutto di essere più piccola rispetto a Denise. Nei prossimi giorni, con l’esito del test, sarà chiarito ogni dubbio.

Intanto però sulla pagina Facebook ufficiale di Piera Maggio è stato pubblicato un post fondamentale per le ricerche: “Cortesemente, purtroppo abbiamo constatato che sui social come Tik Tok, Instagram, Facebook ecc. Circolano dei Video, con Foto di Denise a 4 anni, associate con delle fotografie di ragazze estrapolate dai loro profili social. Oltre ad essere una violazione della privacy, non è giusto, pertanto noi famigliari non vogliamo che vengano usate le foto di nostra figlia Denise, per questo uso non appropriato. Onde evitare falsi allarmismi, confusioni e altro, Vi chiediamo cortesemente di eliminarli ovunque. Diffondete solo i post ufficiali, con gli Age Progression, con i recapiti e informazioni necessari in aiuto nella ricerca. Ancora una volta Vi preghiamo, che le segnalazioni vengano inviate in PRIVATO, e NO pubblicamente, nei commenti o altro. Grazie”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Denise Pipitone, una lettera anonima riapre il caso: le novità

Denise Pipitone, cosa ha rivelato la lettera anonima a ‘Chi l’ha visto?’. Ci sono alcuni nomi

Altri elementi utili all’indagine potrebbero arrivare dopo la lettera anonima che è stata inviata all’avvocato Frazzitta, legale di Piera Maggio, ma anche alla redazione di ‘Chi l’ha visto?’. L’anonimo (maschio o femmina che sia) racconta di aver visto Denis in una macchina pochi minuti dopo la sua scomparsa ed era anche con tre uomini. Fa anche i loro nomi, che per ragioni di riservatezza non sono stati svelati, ed è possibile che nei prossimi giorni siano sentiti di nuovo.

Del caso ha parlato oggi anche Francesco Lombardo, ex maresciallo della Polizia giudiziaria di Marsala, a ‘Mattino5’. Ha confermato che le tre persone indicate su quell’auto facevano già parte delle indagini ed erano già state sentite all’epoca. Lui si augura che possa esserci presto una svolta nelle indagini,  la Procura sta lavorando.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui