Israele, altra raffica di razzi nella notte: la risposta di Netanyahu

0

Nuova raffica di razzi nella notte con il premier dell’Israele, Netanyahu, pronto a proseguire il conflitto a fuoco: “Avanti finchè necessario”. 

Israele raffica razzi
Gaza distrutta dalle bombe (via Getty Images)

Altra notte di fuoco tra Israele e Gaza, con una raffica di razzi che è arrivata sul paese israeliano che ha subito fatto partire il contrattacco. Infatti la tregua annunciata con Hamas è durata solamente poche ore, prima di far iniziare nuovamente lo scontro a fuoco. In particolare a Tel Aviv la tensione era altissima, con le sirene d’allarme che hanno invitato i cittadini a rifugiarsi nei bunker.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Vaccino Covid, Iss: “-95% decessi e -90% ricoveri dopo prima dose”

Dall’inizio dell’offensiva partita dalla striscia di Gaza sono partiti circa 2.800 razzi, con Israele che ha fatto partire il contrattacco con i propri aerei militari. Il paese di Netanyahu ha colpito diversi obiettivi di Hamas, come l’ufficio del leader Yahya Sinwar. Stando ai report locali, l’ultimo attacco israeliano avrebbe provocato 3 morti e decine di feriti. Inoltre il premier israeliano ha confermato che gli attacchi andranno avanti finché sarà necessario.

Israele, altra raffica di razzi: cosa succede nel conflitto con Gaza

La situazione nel paese è a dir poco delicata. Infatti proseguono gli scontri tra palestinesi, ebrei ortodossi e la polizia israeliana. Sono ben 890 le persone arrestate dall’inizio del conflitto, con le tensioni che sarebbero degenerate dopo gli sfratti a Gerusalemme Est. Inoltre gli scontri hanno portato a due morti e decine di feriti.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Gaza, Luisi (PCFR Italia) a iNews24: “È un massacro, sono morti oltre 30 bambini”

Due episodi hanno destato particolare impressione nella comunità internazionale. Infatti a Gaza il crollo di un edificio ha provocato decine di morti. Mentre sempre nella Striscia è stato bombardato l’ufficio che ospitava diverse redazioni internazionali come Ap e Al Jazeera. Prima di attaccare, il fronte israeliano ha avvertito chi era presente nell’ufficio, permettendo così l’evacuazione dell’edificio.

Aumenta anche la preoccupazione dell’Onu, con il segretario Antonio Guterres che si è detto ‘profondamente turbato’ da quanto sta succedendo. Anche Joe Biden si è definito preoccupato ma ha difeso il diritto di difendersi dell’Israele rispetto agli attacchi missilistici. Il capo delle autorità palestinesi, Abu Mazen, ha chiesto lo stop ai razzi sul paese israeliano. Mentre per oggi è prevista una nuova riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui