Covid-19, bollettino 29 aprile: 14.320 contagi e 288 decessi

0

Comunicati dalla Protezione Civile gli ultimi dati relativi ai contagi da Covid-19 a livello nazionale: contagi, decessi e guarigioni

Covid-19, bollettino 29 aprile
Il bollettino medico aggiornato al 29 aprile

Come di consueto sono stati comunicati dalla Protezione Civile gli ultimi aggiornamenti relativi ai contagi da Covid-19 nel nostro Paese. La curva epidemiologica continua a subire un aumento in Italia. Difatti nelle ultime 24 ore sono risultati positivi al Covid 14.320 italiani a fronte di 330.075 tamponi processati (ieri i nuovi positivi erano 13.385).

Diminuisce il numero delle vittime con 288 decessi rispetto ai 344 di ieri. Nelle ultime 24 ore hanno invece sconfitto definitivamente il virus 18.088 persone (ieri ne sono state 18.416). Calano le occupazioni in terapia intensiva con -71 ed i ricoveri ordinari con -509. Il tasso di positività è al 4,3% (+0,4%). Le dosi di vaccino somministrate in totale sono 19.060.794.
Smart working per i dipendenti pubblici, Brunetta: “Addio alla soglia minima del 50%”
Cdm, approvato decreto Proroghe
Renato Brunetta e Mario Draghi (Facebook)

Il ministro Renato Brunetta ha dichiarato attraverso il suo account di Facebook: “Si torna alla normalità. Addio alla soglia minima del 50% per lo smart working nella Pubblica amministrazione. Fino alla definizione della disciplina del lavoro agile nei contratti collettivi del pubblico impiego, e comunque non oltre il 31 dicembre 2021, le amministrazioni pubbliche potranno continuare a ricorrere alle modalità semplificate relative al lavoro agile, ma sono liberate da ogni rigidità. È la novità del decreto legge ‘proroghe’ approvata oggi in Consiglio dei ministri su mia proposta”.

LEGGI ANCHE QUESTO ARTICOLO>>> Immunità di gregge in estate grazie ai vaccini: l’annuncio di BioNTech

Le amministrazioni fino a dicembre potranno ricorrere allo smart working a condizione che assicurino la regolarità, la continuità e l’efficienza dei servizi rivolti a cittadini e imprese. Un percorso di ritorno alla normalità, in piena sicurezza. concordato con il Comitato tecnico-scientifico e compatibile con le esigenze del sistema dei trasporti.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui