Covid, giallo rafforzato e attività all’aperto: le ipotesi dal 26 aprile

0

Covid, torna il giallo rafforzato e riaprono le attività all’aperto. È quanto emerge da Palazzo Chigi

covid giallo rafforzato
Covid, torna il giallo rafforzato e aprono alcune attività all’aperto (Getty Images)

Si è da poco conclusa la cabina di regia a Palazzo Chigi, dove il governo si è riunito per analizzare i numeri dell’ultimo monitoraggio fornito dall’Istituto Superiore di Sanità e hanno valutato possibili riaperture nei prossimi giorni. Stando a quanto riferito dall’Ansa, a partire dal prossimo 26 aprile dovrebbero esserci alcuni importanti allentamenti.

Si parla innanzitutto del ritorno delle zone gialle, con un “giallo rafforzato” per le aree meno a rischio. Spazio anche alle riaperture di tutte le attività di ristorazione, sport e spettacolo, ma solo per gli spazi all’aperto. Nella stessa data, dovrebbero tornare in presenza anche le scuole superiori, tranne che nelle zone rosse.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid, l’indice Rt cala a 0,85: i dati dell’ultimo monitoraggio settimanale

Covid, giallo rafforzato e attività all’aperto: ecco le possibili novità

covid giallo rafforzato
Ecco tutte le possibili novità a partire dal 26 aprile (Getty Images)

Il prossimo 26 aprile potrebbe rappresentare un punto di svolta per l’Italia e la lotta al Covid. In seguito all’ultimo monitoraggio dati dell’Iss, il governo starebbe valutando alcune riaperture. Torna il giallo rafforzato, riaprono i ristoranti – anche alla sera – all’aperto e respirano anche le attività legate al mondo dello sport e dello spettacolo. Il coprifuoco dovrebbe invece rimanere invariato alle ore 22, almeno in questa prima fase di allentamenti e riaperture.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Romano (Pd) a iNews24: “La Lega lunedì sta al governo e martedì all’opposizione. Infondati e irresponsabili gli attacchi a Speranza”

È andata bene. Stiamo disegnando un percorso importante di ripartenza, possiamo dare un messaggio di ottimismo graduale e con responsabilità” ha spiegato la ministra Bonetti, in uscita da Palazzo Chigi. Intervenuto anche il presidente della Conferenza delle Regioni Massimiliano Fedriga, intervistato a Radio Anch’io su Rai Radiouno. “Abbiamo volutamente non messo date per le riaperture, non vogliamo lo scontro col governo. La nostra richiesta si basa sul favorire le attività che possono svolgersi all’apertoha spiegato.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui