Sardegna, da zona bianca a zona rossa in un mese: cos’è successo

0

Desta grande scalpore il caso della Sardegna, che in un mese è passata da zona bianca a zona rossa. Andiamo a vedere cosa è andato storto nell’isola sarda.

Sardegna zona rossa
Forze dell’ordine a lavoro nell’isola (Foto: Getty Images)

Nelle ultime ore ha fatto il giro d’Italia il caso della Sardegna, passata dalla zona bianca alla rossa in poco più di un mese. Da eccellenza alle massime restrizioni, la situazione nell’isola è peggiorata velocemente, con un Rt in costante. Infatti stando agli ultimi dati dell’Istituto Superiore di Sanità, l’Rt nell’isola si attesta ad 1.52, uno dei più alti nel paese. Nonostante la crescita dell’indice di contagio, gli altri dati della Regione sono comunque buoni.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Vaccino, l’ordinanza di Figliuolo conferma: “Priorità ad over 80 e fragili”

Ad annunciarlo ci ha pensato l’assessore Mario Neddu dopo la comunicazione ricevuta dal Ministro della Salute, Roberto Speranza. Infatti la prossima settimana sarà decisiva per l’Isola, che punta ad un graduale allentamento delle restrizioni. Ad oggi il tasso di positività nella regione è del 4,7%, mentre i ricoveri salgono a 321 unità. I pazienti in isolamento domiciliare sono 16.078, mentre i positivi accertati salgono a quota 48.315.

Covid, anche la Sardegna in zona rossa: cosa succede in Italia

Zona Rossa Pasqua
Come procede la situazione in Italia (via Getty Images)

Continuano a cambiare di colore le regioni. Infatti la prossima settimana quasi l’intera penisola sarà in zona rossa. La situazione pandemica migliora lentamente a causa della diffusione della variante inglese. L’indice Rt scende da 0.98 a 0.92, con l’Italia che inizia a vedere anche uno spiraglio di luce per quanto riguarda le vaccinazioni. Infatti nella giornata di ieri ci sono poco più di 400mila dosi inoculate.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Vaccino Covid, Locatelli: “Possiamo allungare l’intervallo del richiamo”

Il commissario straordinario Francesco Paolo Figliuolo sembra determinato ad accelerare le somministrazioni, arrivando a quota 500mila inoculazioni giornaliere entro l’ultima settimana di aprile. Inoltre nei prossimi giorni dovrebbero arrivare anche le dosi del vaccino di Johnson & Johnson, in grado di immunizzare con una sola somministrazione. Vedremo quindi se la prossima settimana i dati registreranno un nuovo miglioramento, permettendo così al governo di discutere le prime riaperture.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui