Abrignani (Cts) a iNews24: “Apertura scuole, un rischio calcolato. Entro maggio 12 milioni di vaccinati”

Il prof. Sergio Abrignani, membro del Cts in qualità di rappresentante indicato dalla Conferenza delle regioni e province autonome, analizza i dati della curva epidemiologica: “Fase stazionaria, ma situazione ancora difficile”. Evita le polemiche relative alle misure di contenimento, mentre esprime un giudizio positivo sulla campagna vaccinale: “Aprile e maggio, saranno mesi importanti per uscire da questo incubo”

0
Sergio Abrignani (Fb Università degli Studi di Milano)

Anche ieri il bollettino ha registrato 23.649 contagi e 501 decessi. Lei come giudica l’andamento epidemiologico nel nostro Paese ?

“È una fase stazionaria in un momento purtroppo ancora drammatico, la curva non sta più salendo, ma è ferma ad un livello preoccupante”

Ci sono anche dei dati positivi, l’Rt nazionale è tornato sotto l’1 e anche l’incidenza è in calo.

“È un buon segno, ma non è sufficiente visto che abbiamo ancora un numero elevatissimo di infezioni. Abbiamo una letalità del 1,5-2%,  questo vuol dire i 24.000 contagi di ieri, tra quindici venti giorni saranno 400-500 morti. É una situazione ancora difficile, ma con i vaccini sarà risolvibile”

Le chiusure di aprile e le polemiche della Lega

Matteo Salvini (Getty Images)

 I provvedimenti e le restrizioni del mese di aprile saranno sufficienti secondo lei ad arginare i contagi?

“Daranno una mano alla campagna vaccinale, che è l’unica cosa che ci porterà fuori da questo incubo. I vaccini stanno arrivando ed è probabile che, in un mese e mezzo o due, vaccineremo almeno 12-13 milioni di persone tra le fasce più a rischio, che attualmente contribuiscono al 96% dei morti”

La Lega non ha gradito l’estensione delle chiusure per tutto il mese di aprile,  un commento a riguardo?

“Sono decisioni politiche e preferisco non commentare la politica”

La riapertura delle scuole e il potenziamento della campagna vaccinale

vaccini, arriva nuovo rifornimento
Vaccini, arriva nuovo rifornimento in Italia (Foto: Getty)

Da dopo Pasqua le scuole, fino alla prima media, saranno aperte anche in zona rossa. Possiamo davvero permettercelo o è un rischio che dobbiamo correre?

“È un rischio calcolato. Sapendo che il rischio zero non esiste, si valutano sempre rischi e benefici. Il beneficio in questo caso è evitare che i nostri ragazzi sprofondino in situazioni inaccettabili come l’assenza scolastica prolungata. Come hanno giustamente detto sia Draghi che Brusaferro, avevamo un gettone da giocarci e l’abbiamo giocato sulla scuola”

Come giudica fino a questo momento i risultati della campagna vaccinale, c’è stato il cambio di passo annunciato dal generale Figliuolo?

“Direi di sì. Siamo a 11 milioni di somministrazioni, già 3,5 milioni di persone hanno ricevuto entrambe le dosi e altri 8 ne hanno ricevuto almeno una. Abbiamo toccato il record di 285.000 vaccinazioni in un giorno e l’obiettivo è di arrivare, in due settimane, a 500.000 giornaliere. Ricordiamoci anche che in questo primo trimestre sono mancati i vaccini, dovevamo avere 28 milioni e ne abbiamo ricevuti solo 14. Aprile e maggio, dal punto di vista vaccinale, saranno mesi importanti e probabilmente molto interessanti perché ci permetteranno di uscire finalmente da questo incubo, come d’altronde sta dimostrando già in questi giorni l’Inghilterra”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui