Vaccino Covid, Figliuolo: “Allargare categorie? Facciamo poco nepotismo”

0

Vaccino Covid, il commissario Francesco Figliuolo ha parlato alle commissioni Affari sociali di Camera e Senato

vaccino covid figliuolo
Vaccino Covid, parla il commissario Francesco Paolo Figliuolo

Tema caldo di queste settimane rimane la campagna vaccinale anti Covid in Italia. Sul tema è intervenuto il commissario Francesco Paolo Figliuolo alle commissioni Affari sociali di Camera e Senato. “Categorie da vaccinare? Noi adottiamo un criterio il più possibile rigoroso e scientifico. Dobbiamo stare attenti a fare poco nepotismo, altrimenti non ne usciamo” ha spiegato, aggiungendo: “Se iniziamo ad allargare alla grande e piccola distribuzione, ai postini e agli operatori ecologici cosa succede con i fragili? E gli over 80?

Un messaggio chiaro e diretto quello del commissario, che ha poi continuato: “La priorità è mettere in sicurezza i più fragili e anziani. Ossia coloro che, una volta risultati positivi, rischiano di più. Io ascolto tutti, ma non possiamo soddisfare tutte le richieste. Avremmo bisogno di 20 milioni di dosi del vaccino al giorno e 50mila posti di inoculazione“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Immigrazione. Alfonsi (Open Arms) a iNews24: “Situazione difficile, a bordo 219 persone di cui 53 bambini”

Vaccino Covid, Figliuolo: “Individuati altri 420 punti di somministrazione”

vaccino covid
Le sue parole alle commissioni Affari Sociali di Camera e Senato (@Twitter)

Prosegue intanto il lavoro per dare un’accelerata decisiva alla campagna vaccinale italiana. L’obiettivo è aumentare i punti di somministrazione del vaccino e trovare operatori sanitari in grado di garantire il servizio. Anche su questo tema ha dato un importante aggiornamento il commissario Figliuolo alla commissione Affari sociali di Camera e Senato. “Abbiamo individuato altri 420 punti di somministrazione, sui quali andranno fatte le dovute verifiche di operativitàha spiegato.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Covid, Mario Draghi e sua moglie vaccinati con AstraZeneca

L’obiettivo è quello di estendere la rete vaccinale su tutto il territorio nazionale, in attesa che le aziende operatrici forniscano un numero di sieri sufficienti ad accelerare il processo di immunizzazione del Paese.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui