America’s Cup, Luna Rossa si arrende: New Zeland porta a casa la coppa

0

America’s Cup, Luna Rossa si arrende: New Zeland porta a casa la coppa. I padroni di casa si aggiudicano per 7-3 la finale della 36sima edizione

Luna Rossa New Zealand
America’s Cup, Luna Rossa si arrende: New Zeland porta a casa la coppa (Foto: Getty)

Si chiude con la decima regata l’avventura di Luna Rossa alla 36ima edizione dell’America’s Cup. La più antica competizione del mondo ha visto protagonista l’imbarcazione italiana fino all’ultimo. Più forte però Team New Zealand e il suo giovane timoniere Peter Burling, che si conferma il numero uno dopo il 2017 (quando stabilì il record di precocità con il successo a 26 anni). La barca kiwi ha mostrato la sua superiorità di base anche in quest’ultima regata, con una velocità sostanzialmente superiore in tutte le condizioni di vento. James Spithill e Francesco Bruni sono stati all’altezza della situazione, con manovre al limite che hanno saputo sopperire all’inferiorità del mezzo. La linea dell’ultimo traguardo è stato tagliato dai neozelandesi con 46″ di vantaggio. 

LEGGI ANCHE >>> America’s Cup, occasione sprecata per Luna Rossa: doppia sconfitta

LEGGI ANCHE >>> America’s Cup, Luna Rossa appesa a un filo: New Zealand vince ancora

America’s Cup, Luna Rossa si arrende: New Zeland vince la finale per 7-3

Luna Rossa
America’s Cup, Luna Rossa si arrende: New Zeland porta a casa la coppa (Foto: Getty)

Anche nella decima regata odierna, lo scafo di Patrizio Bertelli era partito bene, azzeccando l’ingresso nel Gate. Poi via via una ripresa di New Zealand ha portato gli All Blacks a prendere il comando e a gestirlo con naturalezza estrema sino alla fine. Tempo ottimo, pochi buchi di vento e un campo di regato non “tricky” (poco difficile) che hanno premiato la barca migliore. Per TNZ si tratta del secondo successo consecutivo, dopo quello del 2017 alle Bermuda contro BMW Oracle, confermando una supremazia (recente) neozelandese in questo sport e soprattutto in questa competizione. Per Luna Rossa si tratta comunque di un risultato storico, con tre vittorie nella serie finale come mai avvenuto in passato per un alfiere italiano. Addirittura si erano trovati avanti 3-2 al termine della quinta regata, prima di vedere una serie di 5 vittorie in fila dei padroni di casa.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui