Francia, isolata una nuova variante di Coronavirus in Bretagna

0

Francia, isolata una nuova variante di Coronavirus in Bretagna. Sarebbe in grado di sfuggire ai tamponi nasofaringei

Variante Francia
Francia, isolata una nuova variante di Coronavirus in Bretagna (Foto: Getty)

Purtroppo non facciamo in tempo a procedere con la campagna di vaccinazione in Europa che subito dobbiamo fare i conti con l’arrivo delle varianti. Dallo scoppio di quella inglese e brasiliana, a dicembre, fino ad arrivare alla sudafricana. Il virus è in continua mutazione e paradossalmente i vaccini ne possono avvantaggiare il cambiamento e la resistenza se non completati nei tempi giusti. L’ultima ad essere individuata nelle ultime ore viene dalla Francia, e più precisamente dalla Bretagna.

Il Directeur General de la Santé Jerome Salomon, ha comunicato ieri che esistono sufficienti casi del nuovo virus da allertare tutte le autorità sanitarie a fare la massima attenzione. Questa variante avrebbe la caratteristica specifica di sfuggire ai tamponi nasofaringei, spesso negativi perchè non in grado di rivelarla.

Dal comunicato diffuso dall’autorità francese si legge: “A seguito del rilevamento di diversi casi con una ripetuta discordanza tra i segni clinici indicativi di Covid-19 e risultati negativi del test molecolare su tampone nasofaringeo, sono state condotte indagini epidemiologiche e virologiche“.

LEGGI ANCHE >>> Vaccino AstraZeneca: Aifa vieta l’utilizzo in tutta Italia

LEGGI ANCHE >>> Covid, vaccinazioni residue a chi è disponibile: firmata l’ordinanza

Francia, isolata una nuova variante di Coronavirus in Bretagna: sfugge ai tamponi nasofaringei

Variante Covid Francia
Francia, isolata una nuova variante di Coronavirus in Bretagna (Foto: Getty)

Il cluster è stato riscontrato nel centro ospedaliero di Lannion (comune della Côtes-d’Armor), con pazienti che presentavano classici sintomi da Covid-19 pur non essendo positivi. Il 13 marzo, sul totale dei 79 casi identificati nel nosocomio bretone, 8 erano ascrivibili alla nuova variante.

Le analisi condotte dall’Istituto Pasteur hanno rivelato mutazioni inerenti la proteina S e il suo trasporto, allertando subito tutti i professionisti del settore.

È in corso una valutazione per valutare il possibile impatto di queste modificazioni genetiche su un mancato riconoscimento da parte di test virologici, pericolosi quindi per la mancata diagnosi tempestiva. Verranno fatti ulteriori approfondimenti, fanno sapere le autorità sanitarie francese, in grado di identificare meglio le caratteristiche del virus bretone. Per ora non è chiaro se sia più aggressivo o con caratteristiche profondamente diverse rispetto a quello classico. Anche la resistenza al vaccino è ancora tutta da accertare.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui