Covid, crescono i contagi in Piemonte: metà sono della variante inglese

0

Covid, crescono i contagi in Piemonte: metà sono della variante inglese. Secondo le previsioni la situazione potrebbe peggiorare ulteriormente

Covid Piemonte
Covid, crescono i contagi in Piemonte: metà sono della variante inglese (Foto: Getty)

Il pericolo delle varianti sta diventando piuttosto serio anche in Italia. In diverse regioni la situazione sta peggiorando, con casi in aumento, accompagnate da ospedalizzazioni. Il Piemonte ha fatto registrare un’impennata di contagi tutto provenienti dal nuovo ceppo del virus. Secondo quanto comunicato dall’assessore regionale alla Sanità, Luigi Icardi:Il 48% dei nuovi positivi hanno contratto il patogeno inglese. Questo mette a forte rischio la nostra capacità di risposta. Se prosegue così presto potrebbe dilagare quindi stiamo mantenendo una sorveglianza strettissima“. Poi aggiunge: “I focolai sono sparsi ovunque, per questo stiamo predisponendo nuovi letti Covid e più posti in terapia intensiva. Dovremo affrontare anche il problema delle scuole che sta diventando piuttosto serio“.

LEGGI ANCHE >>> Covid, Giannelli (ANP) a iNews24: “Per campagna vaccinale a scuola servono più dosi”

LEGGI ANCHE >>> Vaccino Covid, chi ha contratto il virus riceverà un’unica dose dopo 6 mesi

Covid, grazie ai vaccini crollano i casi nel Regno Unito: diminuite di un terzo le morti

Vaccino Covid GB
Covid, crollano in casi nel Regno Unito grazie alle vaccinazioni (Foto: Getty)

L’unica risposta sono i vaccini. I dati che vengono forniti dal Daily Mirror, confermano che la copertura di una parte massiccia della popolazione aiuta a fermare la diffusione del coronavirus. Il piano di Boris Johnson ha permesso di superare la soglia dei 20 milioni di somministrazioni, con effetti estremamente positivi. Il numero dei positivi è calato del 40% nell’ultima settimana e i decessi sono diminuiti di un terzo. 

Anche grazie ad una sola dose le ospedalizzazioni si sono ridimensionate dell’80%, tracciando una linea che può essere recepita anche dagli altri Paesi. Non a caso l’Aifa ha proposto di coprire con una sola copertura coloro che hanno già avuto il Covid in passato, risparmiando preziosi farmaci per il resto della popolazione.

Questo potrebbe permettere di accelerare nel processo di immunizzazione, non dovendo più risparmiare dosi per il richiamo. Dello stesso avviso è Guido Bertolaso, coordinatore della campagna vaccinale in Lombardia. Intervenuto a “Quarta Repubblica” ha sottolineato come: “C’è stata una drastica inversione di rotta che credo gli italiani apprezzeranno presto. Cambieremo passo vaccinando e facendo le prime dosi senza preoccuparsi del richiamo. L’obbiettivo non è quello di eliminare il Covid dal mondo ma quello di ridurre le ospedalizzazioni. Il nostro obiettivo è arrivare a 140mila persone vaccinate al giorno“.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui