Alessandro Sallusti positivo al Covid: le sue prime parole

0

Alessandro Sallusti positivo al Covid: la conferma è arrivata direttamente dalle sue parole, ma la situazione sembra sotto controllo

Sallusti
Alessandro Sallusti positivo al Coronavirus (Getty Images)

C’è un altro contagiato celebre nella pandemia da Covid-19. Oggi infatti Alessandro Sallusti, direttore de ‘Il Giornale’ ha annunciato la sua positività con una dichiarazione all’Adnkronos. Ma allo stesso tempo ha voluto tranquillizzare tutti specificando di essere asintomatico e in buone condizioni di salute.

“Purtroppo sono risultato positivo al tampone.  Ma per fortuna – ha aggiunto – sono totalmente asintomatico e sto benissimo ringraziando Dio. Ho fatto il tampone non perché stessi male, ma in quanto lunedì avevo un impegno ed era presumibile farlo”. ‘Dagospia’, fra i primi a riprendere la notizia, ha malignamente aggiunto che è meglio avvisare anche Beppe sala, sindaco di Milano e suo vicino di casa.

Professionista da 40 anni, Alessandro Sallusti è entrato nel 1987 a ‘il Giornale’ con la direzione di Indro Montanelli. Successivamente ha lavorato a ‘Il Messaggero’ e anche ad ‘Avvenire’ e al ‘Corriere della Sera’. Da lì una serie di altre testate che l’hanno portato tra il 2007 e il 2008 alla direzione di ‘Libero’.

Più di recente, dopo aver lasciato la direzione de ‘L’Ordine di Como’, sua città Natale, ha assunto la carica di direttore responsabile de ‘Il Giornale’ affiancando Vittorio Feltri, direttore editoriale.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Maradona, il ricordo di Sallusti: “Era un drogato e violento con le donne”

Sallusti positivo al Covid come Pier Ferdinando Casini, l’ex Presidente della Camera sta bene

(Getty Images)

La positività di Alessandro Sallusti arriva a poche ore dall’annuncio di quella di Pier Ferdinando Casini. L’ex Presidente della Camera, senatore di ‘Centristi per l’Europa’, lo ha svelato durante un collegamento con La7: “In realtà sto bene, ho un po’ di tosse fastidiosa, ma la voce è solida e la mente è lucida”.

Poi al ‘Corriere della Sera’ ha spiegato che sua figlia è stata portatrice sana e dopo due giorni anche lui si è accorto di essere stato contagiato. “Mi attengo al protocollo e a quello che mi dicono i medici. Sono un paziente diligente. Dopodiché siamo tutti nelle mani di Dio”. Il suo unico rammarico? Non poter essere in senato per votare la fiducia al nuovo governo Draghi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui