India, protesta dei contadini: il governo toglie internet in alcuni distretti

0

In India non si fermano le proteste dei contadini dopo una proposta di legge che si propone di liberalizzare il mercato agricolo del paese. 

Luciano Grosso le definisce su Business Insider come “forse le proteste più grandi e corpose che si siano mai viste quelle che stanno avvenendo in questi giorni in India”. Da giorni infatti, in India è scoppiata una protesta che sta coinvolgendo migliaia di contadini. Il loro malcontento nasce da una riforma che l’esecutivo si accinge a varare e che riguarda la liberalizzazione del mercato agricolo. Un provvedimento che il governo ha presentato ai cittadini spiegando che si tratta di una riforma indispensabile per aiutare le piccole e medie imprese nel territorio. Questa infatti, con l’approvazione di questa misura avranno la possibilità di poter stabilire il prezzo di vendita dei loro prodotti. 

Leggi anche: India, incendio nell’azienda produttrice del vaccino AstraZeneca: 5 morti

India, governo taglia internet dopo proteste: la giustificazione del Ministro degli Interni

Getty Images

I contadini però, hanno deciso di scendere in piazza a protestare in quanto sostengono che questa legge aumenterà il potere delle grandi aziende, che avranno adesso la possibilità di imporre prezzi al ribasso che li taglierà fuori dal mercato. E così, sono iniziate le proteste che in poco tempo hanno raggiunto una dimensione tale da costringere il governo a togliere l’accesso a internet in alcuni distretti che si trovano al confine di Nuove Delhi. 

Leggi anche: India, incendio in ospedale di Bhandara: muoiono 10 neonati

Una mossa che è stata giustificata dal Ministro degli Interni nel nome della pubblica sicurezza del paese. Resta però il fatto che l’esecutivo indiano ha deciso di impedire a tutti coloro che aderivano alla protesta di comunicare tra di loro.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui