Covid, il ministro Speranza blocca i voli dal Brasile: spaventano le varianti

0

Covid, il ministro Speranza blocca i voli dal Brasile: spaventano le varianti. Divieto anche per coloro che sono transitati negli ultimi 14 giorni nel Paese sudamericano

Aeroporto Brasile
Covid, il ministro Speranza blocca i voli dal Brasile: spaventano le varianti (Foto: Getty)

La pandemia di Covid continua a non dare tregua a livello internazionale. I contagi restano stabili in Europa e anche in Italia ieri sono stati registrati 13.563 nuovi casi, purtroppo con altri 477 morti. Le misure restrittive adottate dal governo prima di Natale hanno permesso di riabbassare il famoso indice Rt sotto il livello 1. Da lunedì 1 febbraio rimarranno arancioni solo cinque regioni italiane, Puglia, Sardegna, Sicilia, Umbria e la Provincia Autonoma di Bolzano, con tutto il resto d’Italia che torna in zona gialla. Parziali riaperture che non coinvolgeranno gli spostamenti regionali, sempre bloccati, così come il coprifuoco nazionale, dalle 22 alle 5.

LEGGI ANCHE >>> Vaccino AstraZeneca, arriva il via libera ma non per tutti

LEGGI ANCHE >>> Covid-19, nel mondo 102 milioni di casi e 2,2 milioni di morti

Covid, il ministro Speranza blocca i voli dal Brasile: in tutta Europa attenzione al rischio varianti

Voli Brasile
Covid, il ministro Speranza blocca i voli dal Brasile: spaventano le varianti (Foto: Getty)

Il ministro della Salute Speranza è corso ai ripari anche per quanto concerne le famose varianti. attraverso un post pubblicato su Facebook poco fa, infatti, è stato annunciato il blocco dei voli provenienti dal Brasile. Un divieto di ingresso che riguarderà anche tutti coloro che sono transitati nel Paese sudamericano negli ultimi 14 giorni. I cambiamenti del Covid, in attesa di capire quando i vaccini riprenderanno la loro marcia spedita nelle somministrazioni, continuano a fare paura. Se per quella inglese si è scoperto che Pfizer, Moderna e AstraZeneca offrono una copertura analoga al coronavirus “originale”, discorso diverso con la variante brasiliana. In attesa di approfondimenti scientifici l’Europa corre ai ripari, e anche l’Italia si sta adeguando.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui