Vaccino Covid, due medici di Modena lo “regalano” ai parenti: allontanati

0

Vaccino Covid, due medici di Modena lo “regalano” ai parenti: allontanati. Avevano convocato nel punto vaccinale di Baggiovara i conoscenti per somministrare le dosi avanzate

Vaccino Covid
Vaccino Covid, due medici di Modena lo “regalano” a parenti e amici (foto: Getty)

La campagna di vaccinazione per il Covid è iniziata a spron battuto in questo 2021. L’Italia è insieme alla Germania il Paese che ne ha somministrato più dosi, nella top ten mondiale. Accade però che per non sprecare nemmeno una goccia di antidoto, due medici di Modena hanno convocato nel centro vaccinale di Baggiovara parenti e conoscenti per iniettargli le dosi “avanzate“. Non avendo a disposizione altri operatori del settore da vaccinare (tutti gli infermieri e i dottori erano già stati coperti) hanno pensato di procedere in modo autonomo.

A confermarlo è stata l’Ausl locale, che ha sottolineato come i medici siano stati allontanati dalla campagna vaccinale, definendolo un atto dovuto. Per ora comunque nessun altro provvedimento è stato preso, quindi nè licenziamentosospensione.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Prof. Pregliasco a iNews24: “Terza ondata e tracciamento impossibile, sbagliato riaprire gli impianti sciistici”

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid, Speranza annuncia: “Probabilmente arriverà il terzo picco”

Vaccino Covid, due medici di Modena lo “regalano” ai parenti: erano le dosi avanzate

Vaccino Covid
Vaccino Covid, due medici di Modena lo “regalano” ai parenti: allontanati (Foto: Getty)

Il caso di Modena si è verificato all’ospedale di Baggiovara la sera del 5 gennaio. Dopo un’intera giornata di vaccinazioni, i medici si sono ritrovati 11 dosi “libere” e per non sprecarle hanno deciso di chiamare amici e parenti per esaurirle.

Molto dura è arrivata anche la condanna del commissario per l’emergenza Domenico Arcuri, che ha etichettato il fatto come “anti morale”.

Purtroppo l’episodio non è isolato e si aggiunge ad altri simili ravvisati dai Nas in  varie parte d’Italia. Ad esempio a Scicli, nel Ragusano, ben 30 dosi in surplus sono state somministrate in modo “preferenziale”, sollevando proteste anche da parte del sindaco.

Intanto per quanto riguarda le forniture dell’antidoto, altro passo avanti per Moderna che ha ricevuto tutti i benestare di Ema, Commissione Europea ed Aifa. La prossima settimana inizieranno le prime consegne, andando a completare nei prossimi mesi la prima fornitura di 30 milioni di vaccini (compreso quello Pfizer). Per le altre bisognerà attendere il via libera di AstraZeneca.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui