Vaccino Covid, Boccia: “Domani riunione finale, il piano è pronto”

0

Buone notizie sul tema vaccino anti Covid. Il ministro Boccia ha annunciato che domani ci sarà la riunione finale per approvare il piano

vaccino covid
Vaccino Covid, le parole del ministro Boccia (Getty Images)

Continua a far discutere il tema vaccino anti Covid. Poche ore fa è arrivata un’ottima notizia per quanto riguarda l’Europa: già il 23 dicembre l’Ema autorizzerà il farmaco di Pfizer, come anticipato dalla Bild online. In Germania, le prime somministrazioni potrebbero addirittura partire subito dopo Natale.

Intanto, anche in Italia le novità non mancano. Come annunciato dal ministro Boccia, infatti, già domani ci sarà la riunione finale tra i capi delegazione per approvare il piano di distribuzione del farmaco. Ne ha parlato anche il ministro della Salute Roberto Speranza: “Spero che l’Ema approvi il vaccino di Pfizer in anticipo rispetto alla tabella di marcia, così da iniziare con le vaccinazioni il più presto possibile“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, lockdown a Natale: le ipotesi sul tavolo del governo

Vaccino Covid, Boccia: “Servono restrizioni a Natale”

dpcm boccia
Queste le parole del ministro sull’emergenza (Getty Images)

Non solo vaccino anti Covid. Il ministro Francesco Boccia ha affrontato anche altri temi relativi all’emergenza, in prossimità di un periodo delicato come quello di Natale. “Vogliamo mettere in sicurezza ospedali e sistema sanitario, in quanto ci aspettano tre mesi invernali che saranno molto complicati” ha spiegato ai giornalisti:Prima viene la salute, e poi l’economia. Anche perché senza vita non c’è alcun business“.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Covid, in USA sono partite le vaccinazioni: prima dose a New York

Negazionisti? Mi auguro che la loro stagione venga cancellata per sempre. 65mila italiani hanno perso la vita, spero che le decisioni saranno prese di comune accordo anche con l’opposizioneha continuato Boccia:Le restrizioni fin qui imposte hanno funzionato, e la curva dei contagi ne è la riprova. Dai 40mila casi di qualche settimana fa, siamo passati a meno di 20mila. Anche l’indice Rt è ora sceso a 0,8, con alcune regioni anche a 0,6, ma non basta. Servono altre misure a Natale“.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui