Luis Suarez, svelate alcune risposte dell’esame farsa di Perugia

0

Luis Suarez, svelate alcune risposte dell’esame farsa di Perugia, riportate dall’edizione odierna de “Il Mattino” di Napoli

Luis Suarez
Luis Suarez, svelate alcune risposte dell’esame farsa di Perugia (Foto: Getty)

L’inchiesta relativa all’esame farsa di Luis Suarez all’Università per stranieri di Perugia continua a tenere banco. Dopo aver coinvolto nelle indagini i dirigenti della Juventus, gli inquirenti stanno cercando di ricostruire esattamente lo svolgimento della prova. La questione si è allargata a macchia d’olio, tirando in ballo anche il ministro dei Trasporti, Paola De Micheli, amica di infanzia di Fabio Paratici e contattata per “un consiglio“.

La rettrice Giuliana Grego, il direttore Simone Olivieri e alcuni professori, che hanno effettuato il test dello scorso 17 settembre, sono stati sospesi dall’incarico per otto mesi. Il tutto per l’ottenimento della cittadinanza italiana dell’attaccante uruguayano, finito poi all’Atletico Madrid. Ora, secondo quanto riportato quest’oggi da “Il Mattino” di Napoli, sarebbero emerse le frasi pronunciate dall’ex Barcellona nell’esame della scorsa estate.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Esame Suarez, cosa rischia la Juventus: trema la società bianconera

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Esame Suarez, dirigenti della Juventus indagati: “Sapevano i risultati”

Luis Suarez, svelate alcune risposte dell’esame farsa di Perugia: la rivelazione de “Il Mattino”

Suarez
Luis Suarez, svelate alcune risposte dell’esame farsa di Perugia (Foto: Getty)

Mi chiamo Luis Suarez e sono nato a Salto, in Uruguay. Sono uruguaiano. Gioco spesso alla Playstation, mi piace bere il mate. Mi piace fare il barbecue con la famiglia e gli amici. A me non piace fare la spesa. La spesa la fa sempre mia moglie“. Ecco quali sarebbero, secondo “Il Mattino le frasi pronunciate dall’attaccante dell’Atletico Madrid all’esame di Perugia per la cittadinanza italiana.

Le domande e le risposte in questione, compreso il discorso da tenere con i suoi esaminatori erano già arrivate sul computer del giocatore, che le ha imparate a memoria.

Questa sarebbe la prova regina trovata dalla procura nel computer della professoressa Stefania Spina, indagata e sospesa per otto mesi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui