Si inietta succo di frutta in vena e finisce in ospedale

0
25

Una donna ha deciso di iniettarsi del succo di frutta in vena per riprendersi più in fretta da una brutta infezione che l’aveva debilitata. 

Getty Images

Cercava una soluzione per migliorare la sua alimentazione e depurare il suo organismo dalle scorie. Il problema è che il modo scelto per migliorare il suo stato di salute, si è rivelata mortale oltre che eccentrico. La signora Zeng, una donna di 51 anni originaria della Cina si è iniettata del succo di frutta in vena nella speranza di aver trovato un modo semplice e veloce per assumere vitamine. La donna aveva passato un periodo complicato, con una brutta infezione che l’aveva debilitata molto. È così ha deciso di utilizzare questo metodo per riprendersi più in fretta. Non fosse che però che tutto questo l’ha portata ad essere ricoverata in ospedale. 

Leggi anche: Il mistero del battito cardiaco del pianeta Terra

Si inietta del succo di frutta in vena e resta per cinque giorni in terapia intensiva

Getty Images

Subito dopo essersi iniettata il succo di frutta in vena infatti, la donna ha iniziato a stare male, accusando dei forti dolori e una febbre molto alta. È stata poco dopo trasportata in ospedale dove per poco non ha rischiato di morire, tanto si erano aggravate le sue condizioni.  Per fortuna, dopo cinque lunghi giorni passati in terapia intensiva a lottare tra la vita e la morte, la donna si è gradualmente ripresa fino ad essere dichiarata ufficialmente fuori pericolo. Adesso deve solo preoccuparsi di riposare ed evitare magari di farsi venire idee strampalate per riprendersi più in fretta. Per quanto riguarda i motivi che hanno portato la signora Zeng ad assumere del succo di frutta, durante un’intervista ha dichiarato che “pensavo che i frutti freschi fossero molto nutrienti e non avrei mai pensato che sarebbero stati dannosi iniettandoli nel mio corpo“.

Leggi anche: Imperia, si lamenta con il cameriere e lui risponde con una testata

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui