Calabria, Cotticelli si dimette dopo l’annuncio di Conte 

Salverio Cotticelli si dimette: clamoroso colpo di scena in politica. Dopo il tremendo attacco pubblico del Premier Giuseppe Conte, il politico calabrese ha già annunciato la sua decisione ai ministri Speranza e Gualtieri. 

Clamoroso in politica: Giuseppe Conte stronca Saverio Cotticelli, commissario per la sanità in Calabria. Il Premier ha infatti annunciato la rimozione immediata del suddetto dall’attuale incarico. “Va sostituito con effetto immediato. Anche se il processo di nomina presenta un iter particolare, voglio formare il decreto anche nelle prossime ore”, ha annunciato il leader politico nazionale.

Nuovo Dpcm

Salverio Cotticelli si dimette

E ancora: “I calabresi meritano un nuovo commissario assolutamente capace di affrontare una situazione così complessa sul piano sanitario”, ha continuato il presidente del Consiglio in una nota ufficiale. A mandare su tutte le furie il governo centrale sono state le clamorose dichiarazioni di Cotticelli, intervenuto quest’oggi a Rai Titolo V, riferendo di non sapere che spettava a lui la preparazione per il piano anti-Covid nella regione calabrese.

Potrebbe interessarti anche —-> Dpcm, Sala: “Lockdown giusto, ma a Milano chiusura un po’ anomala”

Nel frattempo, riporta Adnkronos, lo stesso politico avrebbe già rassegnato le dimissioni presso Roberto Speranza, ministro della Salute, e Roberto Gualtieri, referente dell’economia e delle finanze. La nomina del nuovo riferimento in Calabria, intanto, sarebbe attesa già per le prossime ore. A chiedere la rimozione di Cotticelli erano stati anche i parlamentari calabresi del Movimento 5 Stelle ma a infierire è stato pure Giuseppe Provenzano, ministro del Sud.

“I ministri Gualtieri e Speranza procedano al più presto alla nomina di una nuova Struttura commissariale per la grave situazione in cui versa la sanità Calabrese”, si legge ancora nella nota. Anche perché la Regione, ricordiamolo, è una delle poche zone rosse d’Italia dopo l’ultimissimo Dpcm. Più che per i casi in sé, il motivo sono “le carenze strutturali del nostro sistema sanitario regionale gravato da anni di scelte amministrative sbagliate e di commissariamento di ogni colore politico”.

Leggi anche —-> Coronavirus, Conte: “Se le Regioni rifiutano Dpcm, sarà lockdown nazionale”