Lockdown Torino, prime code ai supermercati: “Afflussi oltre il normale”

Lockdown Torino, prime code ai supermercati. Alla vigilia del nuovo Dpcm, alcuni Carrefour e Ipercoop sono già sovraffollati

lockdown torino
Lockdown Torino, segnalate le prime code davanti ai supermercati (Getty Images)

Da domani venerdì 6 novembre, entrerà in vigore in tutta Italia il nuovo Dpcm. Come illustrato ieri dal premier Giuseppe Conte in diretta nazionale, il territorio verrà suddiviso in 3 aree diverse, in base al livello di criticità del Covid-19: gialla, arancione e rossa. I territori più colpiti e rientranti nella terza zona, dovranno sottostare a regole molto stringenti, che sono fondamentalmente quelle del primo lockdown.

A Torino, arrivano già le prime segnalazioni di supermercati pieni di cittadini in coda. Nello specifico, l’Ipercoop di Parco Dora e il Carrefour di corso Turati hanno dichiarato afflussi di persone ben oltre il normale, con carrelli pieni e code molto lunghe. Tutto questo nonostante le varie disposizioni non prevedano alcuna chiusura degli alimentari, nemmeno nelle zone rosse. A Torino è già febbre da lockdown.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Dpcm, Fontana: “Non ci sarà nessuna deroga, lombardi tenete duro”

Lockdown, Brusaferro: “Percorso condiviso con le Regioni”

Covid-19 brusaferro
Il presidente dell’Iss Silvio Brusaferro ha commentato il nuovo Dpcm (Instagram)

A partire da domani venerdì 6 novembre, in alcune regioni d’Italia scatterà un secondo lockdown. A Torino i supermercati sono già pieni e sovraffollati, ed è solo una delle immagini che più ricordano le difficili settimane vissute durante la prima ondata di Covid-19. Intanto, in conferenza stampa col ministero della Salute, il presidente dell’Istituto Superiore di Sanità Silvio Brusaferro ha illustrato gli indicatori che hanno portato all’ordinanza firmata ieri dal ministro Roberto Speranza relativa alle Regioni.

I nuovi dati aggiornati arriveranno nel corso delle prossime ore. Il percorso scelto è stato condiviso da tutti, e vede come attori le regioni, il Comitato Tecnico Scientifico e il ministero della Salute” le parole riportate da SkyTG24.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Covid-19, l’appello di Speranza: “Le Regioni facciano la propria parte”