Apple Store chiusi in Italia nelle regioni rosse: la decisione

Apple Store chiusi nelle regioni rosse, una decisione molto forte che è appena arrivata e che sta facendo molto rumore. 

iphone 12 mini
La presentazione potrebbe arrivare il 30 settembre (Getty Images)

Gli Apple Store sono dei negozi molto importanti e sempre più diffusi in tutto il mondo. Parliamo infatti degli store ufficiali dell’azienda con la mela, che da decenni guida il mercato tecnologico e in particolare degli smartphone e dei tablet. Tuttavia parliamo sempre di un’azienda in un momento molto delicato, dato che il Covid-19 è sempre più il padrone assoluto del mondo e delle nostre libertà individuali. Per questo motivo tantissimi marchi, anche grandi e importanti, stanno chiudendo le loro attività momentaneamente. La stessa decisione che ha da poco preso Apple, che con un comunicato ufficiale ha fatto sapere che da domani saranno chiusi gli Apple Store in Italia in tutte le regioni rosse.

LEGGI ANCHE —> Playstation 5 acquistabile solo online, non ci sarà nei negozi

Apple Store chiusi in Italia nelle regioni rosse: la decisione

Una decisione che certamente è stata presa non senza una cospicua dose di amarezza da parte della società americana, che però ha ritenuto necessario questo passo. In completa armonia con quanto detto e consigliato dal Presidente Conte nel dpcm di ieri sera, l’azienda ha voluto fare questo passo. In questo modo infatti le attività non necessarie e tutte le cose che non sono fondamentali alla salute e alla vita delle persone sono vietate e sconsigliate. In particolare nelle regioni rosse, dove il Covid-19 ha colpito tante persone e la situazione è veramente critica. Qui gli Apple Store, da domani, 5 novembre 2020, saranno completamente chiusi. Quindi da domani in Calabria, Lombardia, Valle da Osta e Piemonte i negozi fisici di Apple saranno chiusi. Soltanto tra un mese, quando la situazione dell’Italia sarà rivista, di potranno prendere delle decisioni diverse.

LEGGI ANCHE —> PlayStation Store, da Crash Bandicoot 4 agli indie: le nuove offerte