Coronavirus, Vincenzo Tipo: “I bambini vanno protetti”

0
39

Il pediatra del Pronto Soccorso dell’Ospedale Santobono-Pausilipon, Vincenzo Tipo, ha parlato delle positività riscontrate nei bambini.

Vaccino covid
Coronavirus (Foto: Getty)

In Italia i contagi da coronavirus aumentano col passare dei giorni e i nuovi positivi non sono più persone anziane, ma anche i bambini. Il covid-19 circola velocemente e si trasmette con la stessa velocità tra i bambini, dai neonati fino a 15 anni.

A darci questa notizia il pediatra del Pronto Soccorso dell’Ospedale Santobono-Pausilipon Vincenzo Tipo, il quale sottolinea che ogni giorno presso il PS arrivano almeno 4/5 bambini. Il più delle volte questi vengono contagiati da estranei, perciò il pediatra dice che “i bimbi piccoli vanno protetti”. Bisogna dunque evitare di ospitare i parenti ed evitare allo stesso tempo che i bambini vengano abbracciati o baciati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE QUESTO ARTICOLO >>> Morto Giovanni Bartoloni, portavoce del presidente del consiglio del Lazio

Coronavirus, Vincenzo Tipo: “I bambini vanno protetti”

Ospedali Belgio Covid
Coronavirus (Foto: Getty)

Vincenzo Tipo scrive sui social che in Italia si sta assistendo a un incremento dei contagi tra i bambini da 0 a 15 anni. Solo al PS del Santobono, dove lavora come pediatra Vincenzo Tipo, si registriamo 4-5 casi al giorno, anche se i sintomi sono lievi.

Come sottolinea il pediatra del Pronto Soccorso dell’Ospedale Santobono-Pausilipon, da un’analisi più attenta si evince che il 50% di questi sono bambini di età 0-3 mesi con madri negative al Covid. “I sintomi per questa fascia d’età sono: febbre, inappetenza, irritabilità, diarrea, tosse e lievi difficoltà respiratorie”.

Il dottore dunque afferma che “i bimbi vengono contagiati in casa da persone estranee”. Questa, sempre secondo Tipo, è la conseguenza di una cattiva abitudine, quella di frequentare spesso ed insistentemente una casa dove c’è un neonato o un lattante.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE QUESTO ARTICOLO >>> Covid-19, Mattarella: “Altre patologie non in lockdown, ricerca continui”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui