Napoli di nuovo in piazza, il Vomero contro il lockdown

0
42

Napoli di nuovo in piazza per protestare contro il lockdown e le chiusure anticipate volute dal Dpcm. Per ora nessuna violenza

Napoli in piazza contro il lockdown (screenshot Facebook)

Riparte la protesta di Napoli contro il governo e la Regione ma questa volta il corteo prende il via dal Vomero. Come due giorni fa, un tam tam sui social nel coprso della gironata e questa sera erano oltre duemila in piazza Vanvitelli.

Nei mirino ci sono le scelte del premier Conte, il nuovo mini (o maxi a seconda di come lo si guiardi) lockdown che interesserà tutta l’Italia. Ma che le decisioni del governatore regionale Vincen zo De Luca che avrebbe voluto misure ancora più dure e ha dovuto rinunciare di fronte al blocco da parte di Palazzo Chigi.

Sia la piazza dalla quale è partita la manifestazione di questa sera che il percorso del corteo sono presidiati da decine di poliziotti in tenuta antisommossa. Ma per il momento la situazione è sotto controllo e non ci sono avvisaglie simili a quando successo venerdì sera con quelle scene di guerriglia urbana in centro.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid-19, De Luca: “Nuovo Dpcm non basterà. La scuola ha triplicato i contagi”

Napoli, la protesta non finisce: domani previsto un nuovo corteo di commercianti a Secondigliano

Nel corteo di questa sera a Napoli c’erano commercianti e ristoratori, proprietari e personale di attività commerciali duramente toccate dai provvedimenti del Dpcm. Per domani invece è stata convocata un’altra manifestazione, questa volta di soli commercianti, in corso Secondigliano, a nord di Napoli.

La parola più ricorrente nel corteo di questa sera è “libertà”, seguita da “scuola e lavoro”.  Tanti i cori contro il governatore De Luca, al pari governo che secondo i manifestanti non ha capito la portata dei duri sacrifici già fatti nei mesi scorsi da diversi settori dell’economia italiana.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui